E-R | BUR

n.144 del 18.05.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 26/2009 - Bandi per la concessione dei contributi ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna - Anno 2016. Integrazione propria deliberazione n. 1457/2010

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

  • la legge regionale 29 dicembre 2009, n. 26, concernente "Disciplina e interventi per lo sviluppo del Commercio Equo e Solidale in Emilia-Romagna";
  • la propria deliberazione n. 1457/2010, concernente "L.R. n. 26/2009, art. 7. Interventi a favore del commercio equo e solidale: determinazione dei criteri, delle modalità e delle priorità, nonché dei requisiti dei soggetti beneficiari” ove si prevede che la Giunta con appositi bandi dia attuazione agli interventi previsti dall’art. 5 comma 1, lett. f) e dall’art. 6 della L.R. 26/2009 e successiva modifica n. 615 del 12/05/2014;

Considerato che occorre procedere all'emanazione dei bandi per la concessione dei contributi a favore dei soggetti del commercio equo e solidale individuati secondo i criteri stabiliti dalla propria citata deliberazione n.1457/2010 e successiva modifica;

Ritenuto opportuno, al fine di dare piena attuazione a tutti gli interventi di diffusione del commercio equo e solidale previsti dalla legge regionale in questione, prevedere nell'ambito della realizzazione dei progetti di cui all'art. 6, anche l'attività di promozione dell'utilizzo dei prodotti del commercio equo e solidale nell'ambito delle attività degli enti pubblici di cui alla lettera g), comma 1, dell'art. 5 della L.R. 26/2009, ad integrazione del paragrafo lettera B) “Descrizione e finalità dell'intervento di cui all'art. 6” dell'allegato della suddetta deliberazione n. 1457/2010;

Sentiti gli Enti e le Organizzazioni del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna come da documentazione agli atti del competente Servizio regionale;

Ritenuto opportuno destinare per la copertura finanziaria del presente bando risorse pari ad € 80.000,00 per i contributi di cui all'art. 5, comma 1, lett. f) ed € 120.000,00 per i contributi di cui all'art. 6;

Precisato di stabilire che l'attuazione gestionale, in termini amministrativo-contabili delle attività progettuali che saranno oggetto operativo del presente bando verranno realizzate ponendo a base di riferimento i principi e postulati che disciplinano le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.;

Considerato che:

  • al fine di meglio realizzare gli obiettivi che costituiscono l'asse portante delle prescrizioni tecnico-contabili previste per le Amministrazioni Pubbliche dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm., con particolare riferimento al principio della competenza finanziaria potenziata, le successive fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per renderli rispondenti al percorso contabile tracciato dal decreto medesimo;
  • in ragione di quanto sopra indicato, le successive fasi gestionali caratterizzanti il ciclo della spesa saranno strettamente correlate ai possibili percorsi contabili indicati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. con riferimento ai cronoprogrammi di spesa presentati dai soggetti attuatori individuati;
  • la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa indicato nel presente provvedimento, riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistemica ed allocazione delle risorse disponibili destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche della validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

Visti:

  • il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;
  • la L.R. 30 aprile 2015, n. 3 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (Legge finanziaria 2015)“;
  • la L.R. 30 aprile 2015, n. 4 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017”;
  • la deliberazione di Giunta regionale n. 2259 del 28 dicembre 2015 avente per oggetto “Approvazione del Documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018” e successiva modificazione;
  • l’art. 4, comma 6 del D.L. 6 luglio 2012 n. 95 recante “Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini”, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 135;
  • L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modificazioni ed integrazioni;
  • il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;
  • la deliberazione della Giunta regionale n. 66/2016 del 25 gennaio 2016 “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione e del programma per la Trasparenza e l’Integrità. Aggiornamenti 2016-2018” e successiva modificazione;
  • le deliberazioni di Giunta regionale n. 56 del 25 gennaio 2016, n. 106 del 1 febbraio 2016 e n. 270 del 29 febbraio 2016;

Richiamata la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008, esecutiva ai sensi di legge, avente ad oggetto "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera n. 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007" e successive modificazioni;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore al Turismo. Commercio;

A voti unanimi e palesi

delibera:

1. di integrare per le motivazioni espresse in premessa, la propria deliberazione n. 1457/2010, prevedendo al paragrafo lettera B) “Descrizione e finalità dell'intervento di cui all'art. 6”, l'attività di promozione dell'utilizzo dei prodotti del commercio equo e solidale nell'ambito delle attività degli enti pubblici di cui alla lettera g), comma 1, dell'art. 5 della L.R. 26/2009;

2. di approvare, ai sensi della L.R. 26/2009 nonché della propria deliberazione n. 1457/2010 e successive modificazioni, per l’anno 2016:

  • il bando per la concessione dei contributi di cui all’art. 5, comma 1, lett. f) ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna nonché i relativi moduli (Mod. 1/A, Mod. 2/A e Mod. 3/A) per la compilazione della domanda, di cui all’allegato A parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • il bando per la concessione dei contributi di cui all’art. 6 ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna nonché i relativi moduli (Mod. 1/B, Mod. 2/B, Mod. 3/B e 4/B) per la compilazione della domanda, di cui all’allegato B parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

3. di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, nonché secondo quanto espressamente indicato nella deliberazione di Giunta regionale n. 66/2016, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

4. di stabilire, in ragione delle argomentazioni indicate in premessa, che le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.;

5. di precisare che la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa 27734 e 27744 indicato nel presente provvedimento riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

6. di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it