E-R | BUR

n.349 del 31.10.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Realizzazione della strada di collegamento tra la S.P. 665R Massese e la S.P. 15 di Calestano – Estratto decreto di espropriazione

In ottemperanza all’art. 23 co. 5, D.P.R. 327/2001 e ss.mm.ii., si informa che, con determinazione n. 1059 del 11/10/2018, è stato emanato un decreto di espropriazione come da estratto che segue: 

Premesso:

- che, con deliberazione della Giunta Provinciale 515 del 28/05/2009, è stato approvato il progetto definitivo per la realizzazione della strada di collegamento tra la S.P. 665R Massese e la S.P. 15 di Calestano;

- che, con deliberazione del Consiglio Provinciale 54 del 28/09/2009, è stata approvata l’acquisizione degli immobili ubicati nei Comuni Censuari di Felino, Langhirano e Sala Baganza da occuparsi permanentemente per la realizzazione dell’intervento;

- che sono stati emanati ed eseguiti, ai sensi dell’art. 22bis D.P.R. 327/2001 e ss.mm.ii., appositi decreti di occupazione anticipata d’urgenza preordinata all’espropriazione, tuttora in vigore, a carico dei proprietari dei terreni necessari alla realizzazione dell’opera;

- che il progetto risulta conforme alla pianificazione urbanistica del comune interessato.

Dato atto:

- che, essendosi la ditta catastale proprietaria interessata dal presente decreto resa disponibile alla cessione volontaria delle superfici interessate, non è stato dato seguito alla procedura espropriativa coattiva;

- che è stato approvato il quadro definitivo dei terreni da acquisirsi, comprensivo delle indennità di espropriazione da corrispondersi ai proprietari dei beni immobili permanentemente occupati;

- che sono state corrisposte agli aventi diritto interessati le dovute indennità di espropriazione

Considerato:

- che la dichiarazione di pubblica utilità, la conformità urbanistica dell’opera e la determinazione dell’indennità costituiscono le condizioni per poter emanare un decreto di esproprio;

- che l’autorità espropriante, in alternativa all’atto di cessione volontaria, può emettere il decreto di esproprio, purchè sia stato corrisposto l’importo concordato.

La Responsabile di Posizione Organizzativa dell’Ufficio Espropri ha decretato:

- di disporre, a carico della seguente proprietà e a favore dell’Amministrazione Provinciale di Parma, l’espropriazione del sotto indicato immobile censito presso il Nuovo Catasto Terreni del Comune di Sala Baganza:

- Ditta catastale BATTILOCCHI BRUNA (proprietaria per 1/3) MASCHIO DAVIDE (proprietario per 1/9) MASCHIO MICHELE (proprietario per 1/9) MASCHIO SERGIO (proprietario per 1/9) MENOZZI GIAMPIETRO (proprietario per 1/3): foglio 14, particella 296 (di mq. 40) - Indennizzo erogato € 20.600,00;

- di dare atto che l’espropriazione è disposta sotto la condizione sospensiva che l’atto sia successivamente notificato ed eseguito;

- di trasmettere un estratto del decreto per la pubblicazione nel B.U.R. della Regione, dando atto che l’opposizione dei terzi sarà proponibile entro i trenta giorni successivi alla pubblicazione;

- di dare atto che avverso il citato provvedimento può essere proposto ricorso al Giudice competente. 

Copia integrale del decreto è depositata presso la sede dell’Ufficio Espropri dell’Amministrazione Provinciale di Parma (Viale Martiri della Libertà n. 15 – 43123 Parma).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it