E-R | BUR

n.7 del 11.01.2012 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 2 posti di Collaboratore Professionale Sanitario - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica - Cat. D - per l'Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara

In attuazione alla deliberazione del Direttore generale n. 410 del 19/12/2011, esecutiva ai sensi di legge, è bandito pubblico concorso per titoli ed esami per la copertura di:

n. 2 posti di Collaboratore Professionale Sanitario - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica - Cat. D per l’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara.

Le disposizioni per l’ammissione al concorso e le modalità di espletamento del medesimo sono stabilite dal DPR 20/12/1979, n. 761 come modificato dalla Legge 20/5/1985, n. 207, dalla Legge n. 127 del 15/5/1997 e dal DPR 27/3/2001, n. 220.

Requisiti specifici di ammissione

a) Diploma universitario di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3, del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni, ovvero i diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici uffici;

b) iscrizione al relativo Albo professionale, attestata da certificati in data non anteriore a sei mesi rispetto a quella di scadenza del bando.

Si evidenzia quanto riportato al punto “10” in merito al possesso della patente di guida. Ai sensi dell’art. 3, comma 6°, della Legge n. 127 del 15/5/1997, la partecipazione alla presente pubblica selezione non è soggetta a limiti di età.

Prove d’esame

Prova scritta: su materie inerenti la Diagnostica per Immagini (radiologia tradizionale e digitale, ecografia, tomografia assiale computerizzata, risonanza magnetica, PACS, RIS, angiografia digitalizzata).

Prova pratica: analisi delle procedure di tecnica radiografica applicata alle varie metodiche di imagining.

Prova orale: inerenti alla materia della prova scritta. La prova orale comprenderà anche l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse oltre alla verifica della conoscenza dell’inglese (con particolare riferimento alle applicazioni tecniche professionali e utilizzo di sistemi informatici).

Punteggio per i titoli e prove d’esame

La Commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

  • 30 punti per titoli;
  • 70 punti per le prove.

 I punti per le prove d’esame sono così ripartiti:

  • 30 punti per la prova scritta;
  • 20 punti per la prova pratica;
  • 20 punti per la prova orale.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

  • titoli di carriera (p. 15);
  • titoli accademici e di studio (p. 5);
  • pubblicazioni e titoli scientifici (p. 3);
  • curriculum formativo professionale (p. 7).

Normativa generale del concorso

1 - Posti conferibili

Sono conferibili, oltre ai posti specificatamente indicati eventuali posti della stessa categoria e profilo professionale che si siano resi disponibili dopo la pubblicazione del presente bando o che si renderanno vacanti entro 36 mesi dalla data di approvazione della graduatoria di merito, salvo successive modificazioni intervenute a norma di legge. L’utilizzazione avverrà nel rispetto del principio dell’adeguato accesso dall’esterno di cui all’art. 1 dello stesso decreto e all’art. 14 del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro 7/4/1999, garantendo, a tal fine, la prevista percentuale di posti per gli idonei utilmente collocati nella graduatoria.

La graduatoria, entro trentasei mesi di validità, salvo successive modificazioni intervenute a norma di legge, sarà inoltre utilizzata per il conferimento, secondo l’ordine della stessa, di incarichi per la copertura di posti disponibili per assenza o impedimento del titolare.

2 - Requisiti generali di ammissione

Possono partecipare al concorso coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti, oltre a quelli specifici già indicati:

a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea; 

b) idoneità fisica all’impiego, l’accertamento dell’idoneità fisica all’impiego è effettuato, a cura dell’Azienda Unità Sanitaria Locale, prima dell’immissione in servizio.

Ai sensi dell’art. 3, comma 6, della Legge n. 127 del 15/5/1997, la partecipazione a concorsi indetti da Pubbliche Amministrazioni non è soggetta a limiti di età.

Non possono comunque essere ammessi al concorso coloro che abbiano superato il limite di età previsto dalla vigente normativa per il collocamento a riposo d’ufficio.

Non potranno inoltre essere assunti in servizio coloro, i quali raggiungeranno il suddetto limite di età al momento della stipula del contratto individuale del lavoro.

Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione ovvero licenziati a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo C.C.N.L 

Per quanto riguarda l’inserimento delle persone disabili nel mondo del lavoro si fa esplicito riferimento a quanto previsto dalla Legge 12/3/1999 n. 68.

Tutti i requisiti specifici e generali di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di concorso per la presentazione delle domande di ammissione.

3 - Domanda di ammissione

Le domande di partecipazione al concorso, redatte in carta semplice, debitamente sottoscritte, devono essere rivolte al Direttore generale dell’Azienda Unità Sanitaria Locale con sede in Ferrara - Via A. Cassoli n. 30 - e presentate o spedite nei modi e nei termini previsti al successivo punto 5.

Nella domanda gli aspiranti dovranno dichiarare: 

  • cognome e nome, la data ed il luogo di nascita, la residenza;
  • il possesso della cittadinanza o equivalente;
  • il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
  • le eventuali condanne penali riportate, ovvero di non aver riportato condanne penali;
  • il titolo di studio posseduto e i requisiti specifici di ammissione richiesti per il concorso;
  • la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
  • i servizi prestati come impiegati presso pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego, ovvero di non aver mai prestato servizio presso pubbliche Amministrazioni;
  • i titoli che danno diritto ad usufruire di riserve, precedenze o preferenze;
  • il domicilio presso il quale deve essere fatta all’aspirante, ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza.

Firma: ai sensi dell’art. 39 del DPR n. 445 del 28/12/2000 non è richiesta l’autenticazione della firma in calce alla domanda.

La omessa indicazione, nella domanda, anche di un solo requisito richiesto per l’ammissione può determinare l’esclusione dal concorso.

Chi ha titolo a riserve di posti deve dichiarare dettagliatamente nella domanda i requisiti e le condizioni utili di cui sia in possesso, allegando alla domanda stessa i relativi documenti probatori.

I beneficiari della Legge 5/2/1992, n. 104, debbono specificare nella domanda di partecipazione, qualora lo ritengano indispensabile, l’ausilio eventualmente necessario per l’espletamento delle prove di esame in relazione al proprio handicap nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi.

La mancata sottoscrizione della domanda o dei requisiti richiesti per l’ammissione determina l’esclusione dal concorso.

4 - Documentazione da allegare alla domanda

Alla domanda di partecipazione al concorso i concorrenti devono allegare tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formulazione della graduatoria, ivi compreso un curriculum formativo e professionale redatto su carta libera, datato, firmato e debitamente documentato.

Si precisa che le dichiarazioni rese nel curriculum non sorrette da documentazione o da dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà non saranno oggetto di valutazione.

Tutti i documenti devono essere prodotti in originale o copia legale o autenticata ai sensi di legge, ovvero autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente.

Chi intende avvalersi dell’autocertificazione deve produrre copia fotostatica non autenticata dei titoli e delle pubblicazioni, accompagnati da apposita “dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà” (art. 47, DPR 28/12/2000, n. 445).

In luogo alle certificazioni rilasciate dall’autorità competente, il candidato può presentare dichiarazioni sostitutive e, più precisamente:

  • dichiarazione sostitutiva di certificazione: art. 46, DPR n. 445 del 28/12/2000 (stato di famiglia, iscrizione all’Albo Professionale, possesso del titolo di studio, di specializzazione, di abilitazione);
  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: per tutti gli stati, fatti e qualità personali non compresi nell’elenco di cui all’art. 46 del DPR 28/12/2000, n. 445 ( attività di servizio, borse di studio, incarichi libero professionali, docenze, conformità agli originali di copie…);
  • gli attestati di partecipazione a corsi, convegni o seminari, le pubblicazioni, le comunicazioni a convegni, gli abstracts, la casistica operatoria) dovranno essere obbligatoriamente allegati in fotocopia unitamente alla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante la conformità all’originale.

I fac-simili delle suddette certificazioni possono essere scaricate dal sito internet aziendale, nella sezione “bandi e concorsi”, link “autocertificazioni-autodichiarazioni” (allegato C – D).

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà deve essere sottoscritta personalmente dall’interessato dinnanzi al funzionario competente a ricevere la documentazione, ovvero può essere spedita per posta o consegnata da terzi unitamente a fotocopia semplice di documento di identità personale del sottoscrittore.

In entrambi i casi, nell’interesse dell’aspirante si invita ad allegare sempre una copia semplice di un documento di riconoscimento.

La dichiarazione resa dal candidato, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che si intende produrre; l’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato.

Con particolare riferimento al servizio prestato, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà deve contenere l’esatta denominazione dell’ente, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (a tempo pieno, a tempo definito, a tempo parziale), le date di inizio e di conclusione del servizio, nonché le eventuali interruzioni (aspettative, sospensioni, ecc.) e quant’altro necessario per valutare il servizio stesso.

In caso di accertamento di indicazioni non rispondenti a veridicità, ai sensi dell’art. 75 del DPR 28/12/2000, n. 445 il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere.

I periodi di effettivo servizio militare di leva, di richiamo alle armi, di ferma volontarie e di rafferma, prestati presso le Forze Armate, ai sensi dell’articolo 22 della Legge 24 dicembre 1986, n. 958, sono valutabili con i corrispondenti punteggi previsti per i concorsi disciplinati dal DPR 27/3/2001, n. 220 per i servizi presso pubbliche Amministrazioni, ove durante il servizio il candidato abbia svolto mansioni riconducibili al profilo a concorso, ovvero il minor punteggio previsto dal DPR 27/3/2001, n. 220 per il profilo o mansioni diverse, ridotto del 50%: detto servizio dovrà essere documentato esclusivamente mediante copia del foglio matricolare o dello stato di servizio.

Le pubblicazioni devono essere edite a stampa.

Alla domanda deve essere unito in triplice copia, in carta semplice, un elenco dei documenti e dei titoli presentati.

Per l’applicazione delle preferenze, previste dalle vigenti disposizioni di legge, devono essere allegati alla domanda i relativi documenti probatori.

5 - Modalità e termini per la presentazione delle domande

La domanda e la documentazione ad essa allegata:

  • devono essere inoltrate, a mezzo del servizio postale, al seguente indirizzo: Azienda Unità Sanitaria locale di Ferrara con sede Via A. Cassoli n. 30 - 44121 - Ferrara;
  • ovvero devono essere presentate direttamente all’Ufficio Protocollo Generale - Azienda Unità sanitaria locale di Ferrara, Via A. Cassoli n. 30 (5° piano), dalle ore 9 alle ore 13 di tutti i giorni feriali, escluso il sabato (martedì e giovedì dalle ore 14.30 alle ore 16.30); all’atto della presentazione della domanda sarà rilasciata apposita ricevuta attinente al rispetto dei termini di presentazione della domanda.

E’ esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione.

Le domande devono pervenire, a pena di esclusione dal concorso, entro le ore 12 del trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Qualora detto giorno sia festivo, o cada di sabato, il termine è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.

Le domande si considerano prodotte in tempo utile anche se spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine indicato. A tal fine fa fede il timbro e la data dell’ufficio postale accettante.

Non saranno comunque ammessi, al concorso i concorrenti le cui domande, ancorché presentate nei termini all’Ufficio Postale accettante, perverranno all’Ufficio Protocollo dell’Azienda USL con un ritardo superiore ai 15 gg.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio; l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni derivante da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure di mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Si rende noto che la documentazione presentata può essere ritirata personalmente o da un incarico munito di delega, previo riconoscimento tramite documento d’identità valido, solo dopo 120 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria nel Bollettino Ufficiale Regionale.

La restituzione dei documenti presentati può avvenire anche prima della scadenza del suddetto termine per il candidato non presentandosi alle prove di esame, ovvero per chi, prima dell’inizio delle prove, dichiari espressamente, di rinunciare alla partecipazione al concorso.

Trascorsi sei anni dalla data di pubblicazione della graduatoria nel Bollettino Ufficiale della Regione, la documentazione allegata alla domanda di partecipazione verrà inviata al macero senza ulteriori comunicazioni in merito.

6 - Commissione esaminatrice

La Commissione esaminatrice del concorso sarà nominata, in conformità a quanto previsto dall’art. 6 del DPR 27/3/2001 n. 220, con atto del Direttore generale dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara.

7- Convocazione dei candidati

Il diario delle prove sarà comunicato ai sensi dell’art. 7 co. 1 del DPR 220/01 mediante pubblicazione di avviso nella G.U. della Repubblica Italiana 4a serie speciale “concorsi ed esami” ovvero in caso di numero esiguo di candidati, con raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo indicato dai candidati, non meno di quindici giorni prima della data fissata per la prova.

Il calendario delle prove successive sarà comunicato nel rispetto dei termini previsti dall’art. 7 del DPR 220/01 

Il suddetto calendario delle prove d’esame, sarà inoltre pubblicato sul sito internet aziendale: www.ausl.fe.it, nella sezione “Bandi e Concorsi”, link “Comunicati e notizie su Concorsi/Avvisi” nel rispetto dei termini suindicati.

La mancata presentazione alle prove d’esame nei giorni fissati sarà considerata a tutti gli effetti quale rinuncia al concorso.

La presentazione in ritardo ancorché dovuta a causa di forza maggiore, comporterà l’irrevocabile esclusione dal concorso.

8 - Graduatoria - Dichiarazione dei vincitori

La graduatoria di merito, formulata dalla Commissione esaminatrice, sarà approvata con atto del Direttore generale dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara, previo riconoscimento della sua regolarità e sotto condizione dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione al concorso e per l’ammissione all’impiego.

E’ escluso dalla graduatoria il candidato che non abbia conseguito, in ciascuna delle prove di esame, la prevista valutazione di sufficienza.

In attuazione dell’art. 24 del DLgs 150/09, nell’ambito della presente procedura concorsuale, opera la riserva del 50 % dei posti disponibili a favore del personale in servizio a tempo indeterminato presso l’Azienda Unità Sanitaria locale di Ferrara.

Per la presente procedura è prevista la riserva di n. 1 posto, ai sensi dell’art. 1014 comma 3 e 4 e dell’art. 678, comma 9 del DLgs 66/10, a favore dei volontari della forze armate congedati senza demerito

Tutte le preferenze e le precedenze stabilite dalle vigenti disposizioni di legge saranno osservate purché alla domanda di ammissione al concorso siano uniti i necessari documenti probatori.

La dichiarazione dei vincitori sarà disposta, tenendo conto dell’ordine di graduatoria.

La graduatoria di merito dei candidati è formata secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del DPR 487/94, e successive modificazioni. Sono dichiarati vincitori, nei limiti dei posti messi a concorso, i candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito, tenuto conto di quanto disposto dalla Legge 12/3/1999, n. 68, o da altre disposizioni di legge in vigore che prevedono riserve di posti in favore di particolari categorie di cittadini.

Chi, pur inserito nella graduatoria dei vincitori, rifiuti un’eventuale nomina in ruolo, viene escluso dalla graduatoria stessa.

La graduatoria dei vincitori rimane efficace per un termine di trentasei mesi dalla data della pubblicazione per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito ovvero di posti della stessa categoria e profilo professionale che successivamente ed entro tale termine dovessero rendersi disponibili. L’utilizzazione avverrà nel rispetto del principio dell’adeguato accesso dall’esterno di cui all’art. 1 del DPR 220/01 e art. 14 del Contratto Collettivo nazionale del Lavoro 7/4/1999, garantendo, a tal fine, la prevista percentuale di posti per gli idonei utilmente collocati in graduatoria.

La graduatoria, entro il periodo di validità, sarà utilizzata altresì per il conferimento secondo l’ordine della stessa, di incarichi per la copertura di posti della medesima categoria e profilo professionale, disponibili per assenza o impedimento del titolare.

La graduatoria dei vincitori del concorso è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna così come previsto dall’art. 18 c. 6 del DPR 220 del 27/3/2001.

Tale pubblicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti di legge relativamente alla collocazione nella graduatoria di merito dei candidati idonei.

L’Azienda si riserva la facoltà di non procedere o di procedere parzialmente alla copertura in ruolo dei posti a concorso a fronte di modificazioni nell’assetto organizzativo aziendale, non costituendo obbligo giuridico all’assunzione dei candidati l’adozione del provvedimento di approvazione della graduatoria.

9 - Adempimenti dei vincitori

L’Azienda prima di procedere all’assunzione, mediante il contratto individuale, invita il concorrente dichiarato vincitore a presentare la documentazione comprovante il possesso dei requisiti generali e specifici per l’ammissione all’impiego, assegnandogli un termine non inferiore a trenta giorni.

Scaduto inutilmente tale termine, l’Azienda comunica di non dare luogo alla stipulazione del contratto.

10 - Stipula del contratto individuale e assunzione in servizio

A seguito dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti, l’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara procederà alla stipula del contratto individuale di lavoro con il concorrente dichiarato vincitore.

Il vincitore verrà invitato a sottoscrivere il contratto individuale nel quale verranno specificati tutti gli elementi inerenti il rapporto di lavoro compresa la sede prevalente.

Il vincitore potrà essere comunque utilizzato, per esigenze di servizio, in più sedi dell’Azienda USL.

Lo stato giuridico ed economico inerenti i posti messi a concorso è regolato e stabilito dalle norme legislative contrattuali vigenti.

La nomina decorre, agli effetti economici, dalla data di effettiva assunzione in servizio.

Questa Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara si riserva comunque la facoltà di non procedere, sospendere o ritardare l’assunzione in servizio in relazione alla presenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni al momento della dichiarazione del vincitore.

In relazione alla specificità delle mansioni e alla capillare distribuzione delle attività nel territorio l’ASL si riserva la facoltà di stipulare il contratto individuale di lavoro subordinatamente al possesso da parte dell’aspirante della patente di categoria B.

11 - Trattamento economico

Al vincitore sarà attribuito il trattamento economico previsto dall’Accordo Nazionale di Lavoro per il Personale delle Aziende Unità Sanitarie Locali.

12 - Norme finali

L’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara si riserva la facoltà di prorogare o sospendere o annullare il bando in relazione all’esistenza di ragioni di pubblico interesse concreto ed attuale.

Per tutto quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alla vigente normativa in materia ed in particolare al DPR 220/01.

Ai sensi delle disposizioni di cui al DLgs 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali” in particolare delle disposizioni di cui all’art. 13, questa Azienda Unità Sanitaria Locale, nella persona del Direttore generale, quale titolare del trattamento dei dati contenuti nelle domande presentate, che può avvenire con modalità sia manuale che elettronica, è finalizzato all’espletamento della procedura relativa al presente bando.

Il trattamento avviene in via generale in base alle seguenti fonti normative: DLgs 165/01, DLgs 502/92 e s.m. DPR 220/01.

L’interessato gode dei diritti di cui all’art. 7 del DLgs 196/03, cioè di conoscere i dati che lo riguardano, di chiederne l’aggiornamento, la rettifica, il completamento, la cancellazione o il blocco in caso di violazione di legge, nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.

Per le informazioni necessarie e per acquisire copia dell’avviso pubblico rivolgersi al Dipartimento Amministrativo Unico - Ufficio Concorsi - di questa Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara - Via Cassoli n. 30 - 44121 Ferrara - 0532/235673 - 0532/235674 - 0532/235744 - dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 o consultando il sito Internet: www.ausl.fe.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it