E-R | BUR

n.213 del 12.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione accordo di Programma tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna e assegnazione e concessione contributi ai sensi dell'art. 6 comma 1, L.R. 24 del 4/12/2003 e ss.mm. - CUP F37H13001610004

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

1. di approvare, per le ragioni espresse in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate, la partecipazione finanziaria della Regione Emilia-Romagna alle spese necessarie per la realizzazione del progetto “OPS… Occasioni per scegliere” di diretto interesse e rilievo regionale, assumendo a proprio carico l'onere finanziario complessivo di €.56.700,00 (di cui €.28.000,00 per spese di investimento, ed €. 28.700,00 per spese correnti) a fronte di una spesa prevista complessiva di €. 81.000,00 (di cui €. 40.000,00 per spese di investimento, ed €. 41.000,00 per spese correnti); 

2. di approvare l’Accordo di programma, redatto secondo lo schema di cui all'Allegato parte integrante e sostanziale del presente atto, tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna per predefinire le modalità di collaborazione, gli impegni ed oneri assunti reciprocamente tra i due soggetti firmatari per la realizzazione del suddetto progetto di diretto interesse e rilievo
regionale;

3. di assegnare e concedere un contributo complessivo di €.56.700,00 a favore del Comune di Bologna, ai sensi dell'art. 6, comma 1, della L.R. n. 24/2003 e succ.mod., per la realizzazione del progetto soprarichiamato; 

4. di impegnare la spesa complessiva di €. 56.700,00, registrata come segue: 

  • quanto a Euro 28.000,00 con il n. 1845 di impegno, sul capitolo 02701 "Contributi a pubbliche amministrazioni per spese di investimento rivolte alla realizzazione di interventi di rilievo regionale nel campo della sicurezza (art. 6, L.R. 4 dicembre 2003, n. 24)"- U.P.B. 1.2.3.3.4420,
  • quanto a Euro 28.700,00 con il n. 1846 di impegno sul capitolo 02717 "Contributi a pubbliche amministrazioni per spese correnti rivolte alla realizzazione di interventi di rilievo regionale nel campo della sicurezza (art. 6, L.R. 4 dicembre 2003, n. 24)" - U.P.B. 1.2.3.2.3830, del bilancio per l'esercizio finanziario 2015 che presenta la necessaria disponibilità; 

4. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., le stringhe concernenti la codificazione delle Transazioni elementari, come definite dal citato decreto, sono le seguenti:

Capitolo 2701 Missione 03 – Programma 02 – Codice Economico U.2.03.01.02.003 – COFOG 03.6 – Transazioni UE 8 – SIOPE 2234 - C.I. spesa 4 - Gestione ordinaria 3

Capitolo 2717 Missione 03 – Programma 02 – Codice Economico U.1.04.01.02.003 – COFOG 03.6 – Transazioni UE 8 – SIOPE 1535 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

4. di prendere atto che all’intervento di natura di investimento nell’ambito del Progetto di cui al presente atto, è stato assegnato il Codice Unico di Progetto n. F37H13001610004; 

5. di stabilire che l’Accordo di programma tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna, come indicato nello schema parte integrante del presente atto, decorre dalla data di sottoscrizione dell’Accordo stesso e fino al 31 dicembre 2015. Tale termine è riferito alla completa realizzazione del progetto nonché alla presentazione della relativa rendicontazione; 

6. di dare atto che alla liquidazione del contributo a favore del Comune di Bologna, provvederà il Dirigente regionale competente con propri atti formali nel rispetto del citato D.LGS. n. 118/2011 ed in applicazione della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., previa sottoscrizione dell’Accordo di programma oggetto del presente provvedimento, secondo le modalità specificate nel medesimo e previo espletamento degli adempimenti previsti dal citato D. LGS. n. 33/2013 e ss.mm. nonché delle citate deliberazioni n. 1621/2013 e 57/2015; 

7. di dare altresì atto che in sede di sottoscrizione dell’Accordo, potranno essere apportate modifiche al testo che si rendessero necessarie, purché non sostanziali; 

8. di dare atto altresì che si provvederà agli adempimenti previsti dall’art. 56, comma 7, del citato D.Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii.; 

9. di dare atto infine che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nelle proprie deliberazioni n. 1621/2013 e n. 57/2015; 

10. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

ALLEGATO

Schema di Accordo di Programma per lo sviluppo del Progetto “ Ops… occasioni per scegliere ” in attuazione degli obiettivi previsti dall’art. 6 L.R. n. 24/2003 e succ.mod.

tra

La Regione Emilia-Romagna, C.F. 80062590379, rappresentata dal Presidente

e

Il Comune di Bologna, C.F.01232710374, rappresentato da ……………domiciliato per la carica in,

Vista la legge regionale 4 dicembre 2003, n. 24 recante “Disciplina della polizia amministrativa locale e promozione di un sistema integrato di sicurezza” e succ.mod. ed in particolare:

- l'art. 4, comma 1, lett. a) che prevede che “la Regione, per le finalità di cui ai precedenti articoli 2 e 3, promuove e stipula intese istituzionali di programma, accordi di programma e altri accordi di collaborazione per realizzare specifiche iniziative di rilievo regionale nel campo della sicurezza”;

- l'art. 6, comma 1, che stabilisce che “la Regione realizza direttamente o compartecipa finanziariamente alla realizzazione degli interventi derivanti dalle intese e dagli accordi di cui all'art. 4, comma 1, lett. a), sia per spese di investimento che per spese correnti”;

- l'art. 2, commi 1 e 2, che stabilisce,tra l’altro, che “si intendono come politiche per la promozione di un sistema integrato di sicurezza le azioni volte al conseguimento di una ordinata e civile convivenza nelle città e nel territorio regionale” e che “gli interventi regionali privilegiano le azioni integrate di natura preventiva, le pratiche di mediazione dei conflitti e riduzione del danno, l’educazione alla convivenza, nel rispetto del principio di legalità”;

Premesso che:

- l’Assessore ai Lavori Pubblici, Politiche abitative e Sicurezza del Comune di Bologna, con lettera acquisita al protocollo della Regione in data 2/7/2015 al n. 0470671, ha avanzato la richiesta di una collaborazione per la realizzazione di un progetto denominato “OPS… Occasioni per scegliere”;

- tale progetto è finalizzato alla promozione della sicurezza e qualità urbana della comunità del Quartiere San Donato di Bologna, con particolare attenzione al supporto educativo della popolazione adolescenziale e alle forme di prevenzione della devianza giovanile. In tale prospettiva, il progetto si fonda su un insieme di azioni tra loro integrate: interventi di riqualificazione urbana, tendenti a migliorare la sicurezza e la percezione di sicurezza della comunità, con particolare attenzione al potenziamento dell'illuminazione del Giardino Parker Lennon; interventi di prevenzione del disagio e della devianza giovanile mediante implementazione delle attività di educativa di strada e formazione congiunta degli operatori - educatori e forze di polizia - che a diverso titolo si occupano di disagio e devianza giovanile; interventi di riduzione del danno mediante attivazione degli educatori di strada nelle zone più a rischio del Quartiere San Donato.

Dato atto che la proposta ricevuta da parte del Comune di Bologna rientra negli obiettivi della Regione Emilia-Romagna indicati anche nella L.R.4 dicembre 2003, n. 24 ed esiste un preciso interesse ed una concreta possibilità da parte della Regione a supportare finanziariamente le spese per la realizzazione del progetto “OPS… Occasioni per scegliere” di cui sopra, di diretto interesse e rilievo regionale e che, pertanto, si ritiene di accogliere la predetta richiesta;

Ritenuto, a tal fine, doversi pervenire tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna, alla preliminare sottoscrizione di apposito Accordo di programma, anche al fine di concedere un supporto finanziario al programma degli interventi descritti e per il raggiungimento degli obiettivi specificati nel testo dell’Accordo stesso;

Tutto ciò premesso, si conviene e si sottoscrive il Presente Accordo di programma

Articolo 1

Premesse

Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Accordo di programma.

Articolo 2

Obiettivi

Il presente Accordo di programma disciplina i rapporti tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna, ponendosi come obiettivo la realizzazione del progetto “OPS… Occasioni per scegliere”.

Articolo 3

Descrizione degli interventi  

Oggetto del presente Accordo di programma sono gli interventi di natura preventiva volti a promuovere la sicurezza e la prevenzione della devianza giovanile nel Quartiere S. Donato del Comune di Bologna, che di seguito si specificano:

a) azioni di riqualificazione urbana, con particolare attenzione al potenziamento dell'illuminazione del Giardino Parker Lennon;

b) Azioni di prevenzione del disagio e della devianza giovanile mediante implementazione delle attività di educativa di strada, attivazione di percorsi laboratorali e di sviluppo di competenze in ambito scolastico e formazione congiunta degli operatori - educatori e forze di polizia - che a diverso titolo si occupano di disagio e devianza giovanile;

c) Azioni di riduzione del danno, con particolare attenzione all’uso e abuso di sostanze stupefacenti, mediante attivazione degli educatori di strada nelle zone più a rischio del Quartiere San Donato;

d) organizzazione di una serie di incontri con la popolazione del Quartiere S. Donato volti alla promozione dell’animazione territoriale e a favorire forme di sicurezza partecipata.

All’intervento di natura di investimento nell’ambito del Progetto oggetto del presente Accordo è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale il Codice Unico di Progetto (CUP) n.F37H13001610004. 

Articolo 4

Quadro economico di riferimento  

Relativamente agli interventi previsti nell’art. 3 del presente Accordo di programma, si prevede il sostenimento delle seguenti spese: 

SPESE CORRENTI:

Descrizione spese

Costo

  • Costi di coordinamento e Formazione; 
  • Attività di educativa di strada
  • Attività di educazione e laboratori scolastici
  • Interventi di riduzione del danno
  • Organizzazione di iniziative / eventi pubblici
  • Acquisto beni di consumo

3.000,00 €. 

20.000,00 €. 

4.000,00 €. 

10.000,00 €. 

1.000,00 €. 

3.000,00 €.

Totale spese correnti

41.000,00 €.

SPESE INVESTIMENTO: 

Descrizione spese

Costo

  • Potenziamento dell’illuminazione del Giardino Parker Lennon

40.000,00 €.

Totale spese investimento

40.000,00 €.

Articolo 5

Obblighi assunti da ciascun partecipante

La Regione Emilia-Romagna si impegna finanziariamente a concedere al Comune di Bologna un contributo complessivo di 56.700,00 €., di cui 28.700,00 €. a titolo di contributo alle spese correnti e 28.000,00 €. a titolo di contributo alle spese di investimento a fronte di una spesa complessiva prevista di € 81.000,00. (€ 40.000,00 per spese d’investimento e € 41.000,00 per spese correnti), di cui € 24.300,00 a carico del Comune, da sostenere per la realizzazione del progetto “OPS… Occasioni per scegliere”, la cui documentazione è agli atti del Servizio competente.

Il Comune di si impegna:

  • ad iniziare, verificare e concludere le attività relative alla predisposizione ed esecuzione del progetto stesso;
  • a diffondere la conoscenza del servizio ai cittadini;
  • a condividere con la Regione Emilia-Romagna le analisi ed i risultati raggiunti con lo sviluppo del progetto, al fine di renderne possibile, da parte della Regione stessa, la loro diffusione presso altre Amministrazioni locali interessate a quanto sperimentato;
  • a reperire le risorse necessarie per la realizzazione da parte del Comune stesso delle attività previste dal Progetto “OPS… Occasioni per scegliere”, così come descritto nella documentazione presentata;
  • ad apporre, sul materiale prodotto/realizzato nell’ambito del progetto il riferimento al contributo di cui al presente Accordo, congiuntamente al logo della Regione Emilia-Romagna, nonché a dare atto, nell’ambito delle pubblicazioni prodotte o di strumenti audio, video o multimediali in genere della presente collaborazione.

Articolo 6

Comitato Tecnico di Coordinamento

La Regione Emilia-Romagna e il Comune di Bologna costituiscono un Comitato tecnico di coordinamento del presente Accordo di programma, composto da propri referenti individuati rispettivamente in Gian Guido Nobili, Eugenio Arcidacono e Annalisa Orlandi per la Regione Emilia-Romagna e Monica Brandoli, Maria Audenzia Milana, Paola Marchetti, Paola Alberani e Cinzia Paolini, per il Comune di Bologna. Qualora si rendesse necessario, i rispettivi competenti Dirigenti di riferimento, nominano ulteriori referenti.

Il Comitato tecnico di coordinamento:

a) aggiorna ed approva, su proposta dei referenti del Comune, il programma delle attività derivanti dagli obiettivi del presente accordo;

b) approva eventuali modifiche alle attività previste per la realizzazione del progetto, dandone atto in apposito verbale che ne evidenzi le motivazioni,a condizione:

  • che il programma di attività si riferisca sempre alle tematiche in oggetto e agli obiettivi indicati dal presente Accordo;
  • che non si modifichi l’onere complessivo posto a carico della Regione;

c) svolge funzioni di monitoraggio del progetto e si riunisce a tal fine su richiesta di una delle parti.

Articolo 7

Liquidazione del contributo regionale

La liquidazione del contributo a favore del Comune di Bologna, pari all'importo complessivo di €.56.700,00, sarà disposta, in un’unica soluzione, previa sottoscrizione del presente Accordo di programma, a presentazione della rendicontazione delle spese sostenute comprensiva dei provvedimenti di avvenuta fornitura/acquisto indicante l'importo della spesa liquidata e/o del certificato di regolare esecuzione regolarmente approvato per i lavori, nonchè della relazione finale sul risultato delle attività previste nel progetto citato.

Qualora, in fase di rendicontazione, le spese documentate risultassero inferiori a quelle previste nel presente Accordo di programma, l’ammontare del contributo sarà proporzionalmente ridotto.

Con riferimento al presente articolo, si concorda che non possono essere rendicontate come spese sostenute dal Comune di Bologna quelle già finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite contributi precedentemente concessi per le medesime finalità. A questo proposito, il Comune di Bologna dovrà sottoscrivere apposita dichiarazione in merito alle singole spese sostenute per il presente Accordo.

Articolo 8

Inadempimento

Nel caso di inadempimento da parte del Comune di Bologna, la Regione, previa diffida ad adempiere agli impegni assunti entro congruo termine, revoca le quote di finanziamenti accordati relativamente alle fasi non realizzate.

Articolo 9

Durata dell’Accordo

Il presente accordo decorre dalla data di sottoscrizione fino al 31 dicembre 2015. Tale termine è riferito alla completa realizzazione del progetto nonché alla presentazione della relativa rendicontazione. 

Articolo 10

Modalità di approvazione e di pubblicazione dell'Accordo

L'Accordo di programma, una volta sottoscritto da entrambi i firmatari è pubblicato sui siti web istituzionali delle due Amministrazioni.

Bologna,lì

per la Regione Emilia-Romagna

Il Presidente

per il Comune di Bologna

_____________________

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it