E-R | BUR

n.83 del 23.05.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione dell'Avviso per l'ammissione degli organismi di formazione al Catalogo Interregionale dell'Alta Formazione - Annualità 2012

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti i Regolamenti (CE):

- n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006, relativo al Fondo sociale europeo e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1784/1999;

- n. 396/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6/5/2009 che modifica il regolamento n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE;

- n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio 2006, recante le disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999;

- n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;

- n. 539/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;

- n. 1828/2006 della Commissione dell’8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/06 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/06 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

- n. 846/2009 della Commissione del 1 settembre 2009 di modifica del regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1883/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

Richiamati:

- la deliberazione del C.I.P.E. n. 36 del 15/6/2007 (pubblicata sulla G.U. n. 241 del 16/10/2007) concernente “Definizione dei criteri di cofinanziamento nazionale degli interventi socio strutturali comunitari per il periodo di programmazione 2007/2013”;

- la Decisione comunitaria n. C(2007) 3329 del 13/7/2007 di approvazione del Quadro Strategico Nazionale;

- il Decreto del Presidente della Repubblica n. 196 del 3/10/2008 “Regolamento di esecuzione del Regolamento (CE)1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 294 del 17/12/2008;

Richiamate altresì:

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 101 dell’1/3/2007 “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione” (Proposta della Giunta regionale in data 12/2/2007 n. 159);

- la decisione di approvazione C(2007)5327 del 26/10/2007 del “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività ed Occupazione da parte della Commissione Europea;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1681 del 12/11/2007 recante “POR FSE Emilia-Romagna obiettivo 2 “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013 Presa d’atto della decisione di approvazione della Commissione Europea ed individuazione dell’Autorità di Gestione e delle relative funzioni e degli Organismi Intermedi”;

- la decisione C(2011)7957 del 10/11/2011 recante modifica della decisione C(2007)5327 del 26/10/2007 che adotta il Programma Operativo per regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 – Ob. 2 Competitività e Occupazione della Regione Emilia-Romagna CCI2007IT052PO002;

Viste le leggi regionali:

- n. 12 del 30 giugno 2003, “ Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione fra loro” ed in particolare l’art. 13 “Finanziamento dei soggetti e delle attività” e l’art. 14 “Assegni formativi”;

- n. 17 del 1° agosto 2005, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del lavoro”;

Richiamate inoltre:

- la deliberazione n. 38 del 29/3/2011 dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013 (Proposta della Giunta regionale in data 07/03/2011, n. 296);

- la deliberazione di Giunta regionale n. 532 del 18/04/2011 “Accordo fra Regione e Province dell’Emilia-Romagna per il coordinamento della Programmazione 2011/2013 per il sistema formativo e per il lavoro (L.R. 12/03 – L.R. 17/05) e s.m.i.;

Viste le proprie deliberazioni:

- n. 177/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.ii.;

- n. 105/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 14/02/2005, n. 265” e ss.mm.ii.;

- n. 316 del 19/3/2012 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alla D.G.R. n. 125/2011, e dell’elenco degli organismi accreditati per l’obbligo di istruzione ai sensi della D.G.R.n. 2046/2010” e s.m.i.;

Visti inoltre:

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2265 del 22 dicembre 2008 di adesione al progetto interregionale “Verso un sistema integrato di alta formazione” e di approvazione dello schema di protocollo d’Intesa per l’attuazione del progetto interregionale “Verso un sistema integrato di alta formazione” tra le Regioni Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto;

- il Protocollo d’intesa per la prosecuzione del Catalogo Interregionale di Alta Formazione a supporto dell’erogazione di Voucher Formativi tra il Ministero del lavoro e della previdenza sociale e la Regione Veneto, siglato in data 8 aprile 2010;

 - la nota prot. n. PG/2010/296424 a firma del Direttore Generale dell’Area Cultura, Formazione, Lavoro, con la quale è stata confermata l’adesione della Regione Emilia-Romagna nella prosecuzione del “Progetto per l’implementazione e lo sviluppo del Catalogo Interregionale dell’Alta formazione” per l’intero quadriennio 2011-2014;

Valutate positivamente le attività realizzate nell’ambito del progetto interregionale “Riconoscimento reciproco dei voucher per l’alta formazione” e del successivo progetto finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali dal titolo “Catalogo interregionale per l’alta formazione”;

Considerato, che in accordo con le altre Regioni aderenti al progetto, si è valutata l’opportunità di:

- rafforzare la dimensione interregionale del Catalogo rendendo omogenee le procedure e le modalità di valutazione dell’offerta formativa;

- migliorare la contestualizzazione dei percorsi ai contesti produttivi e pertanto gli obiettivi attesi di occupabilità e adattabilità in esito alla formazione;

- mantenere le specificità dei sistemi regionali di accreditamento nonché delle specifiche disposizioni attuative connesse alla realizzazione dei percorsi.

Al fine di perseguire gli obiettivi di cui sopra sono state ridefinite le procedure connesse alla implementazione del “Catalogo interregionale per l’alta formazione” e pertanto delle procedure di candidatura da parte degli Organismi di formazione e le successive procedure di presentazione e validazione dell’offerta di formazione come di seguito specificato:

- ciascuna Regione, con proprio atto, attiva le procedure di candidatura da parte degli organismi di formazione al Catalogo Interregionale on-line dell’Alta Formazione e conclude le istruttorie connesse alla validazione degli Organismi ammessi alla fase di candidatura dell’offerta;

- la Regione Veneto, in qualità di amministrazione capofila del progetto interregionale, attiva un’unica procedura per la candidatura dell’offerta “Avviso unico per la presentazione dell’offerta formativa al Catalogo Interregionale Alta Formazione - Annualità 2012” alla quale possono accedere gli Organismi validati dalle singole Regioni;

- le procedure di istruttoria, di valutazione e di validazione dell’offerta sarà realizzata da un Nucleo di valutazione al quale partecipano alcune delle Regioni aderenti al progetto tra cui la Regione Emilia-Romagna;

- ciascuna Regione operativa adotterà, in coerenza con i propri dispositivi amministrativi, proprie Norme di funzionamento e di gestione dei percorsi formativi in aggiunta e a completamento delle regole generali in tema di obblighi, adempimenti, irregolarità e sanzioni, per la gestione dei corsi, contenuti nell’“Avviso unico per la presentazione dell’offerta formativa al Catalogo Interregionale Alta Formazione - Annualità 2012” che sarà adottato dalla Regione Veneto;

- ciascuna Regione provvederà con proprio atto alla approvazione degli Avvisi rivolti ai propri residenti per l’assegnazione di assegni formativi (voucher) per l’accesso ai percorsi formativi di cui al Catalogo individuando altresì le caratteristiche dei destinatari e le priorità di accesso;

Dato quanto sopra si rende necessario approvare l’“Avviso regionale per l’ammissione degli Organismi di formazione al Catalogo Interregionale dell’Alta Formazione – Annualità 2012” parte integrante del presente atto (Allegato A);

Stabilito che l’istruttoria di ammissione al Catalogo degli organismi di formazione verrà espletata dal Servizio Programmazione Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro;

Dato atto che il Dirigente del Servizio Programmazione Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della Formazione e del Lavoro provvederà, con proprio atto, ad approvare gli esiti dell’istruttoria effettuata sugli organismi di formazione dal Servizio medesimo, prevedendo altresì la pubblicazione all’indirizzo www.formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it e sul portale del Catalogo Interregionale dell’alta formazione all’indirizzo www.altaformazioneinrete.it

Dato altresì atto che il Dirigente del Servizio Gestione e Controllo delle attività realizzate nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro provvederà, con proprio atto ad approvare le “Norme di funzionamento dei Corsi” per gli organismi di formazione che svolgono le loro attività in Emilia-Romagna;

Stabilito di rinviare ad un proprio successivo atto l’approvazione dell’avviso per la richiesta da parte delle persone residenti in Emilia-Romagna di assegni formativi per la partecipazione ai percorsi che saranno contenuti nel Catalogo per l’alta formazione che sarà approvato dalla Regione Veneto;

Stabilito che la dotazione finanziaria complessiva per l’erogazione degli assegni formativi (voucher) ammonta ad Euro 1.000.000,00,a valere sull’Asse V - “Transnazionalità e Interregionalità“ del POR FSE “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna;

Viste le Leggi regionali:

- n. 40 del 15 novembre 2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4;

- n. 43 del 26 novembre 2001 “Testo unico in materia di organizzazione e rapporto di lavoro in Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.;

- n. 21 del 22 dicembre 2011 “Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell’art. 40 della legge regionale 15 novembre 2001 n. 40, in coincidenza con l’approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014” pubblicata sul B.U.R. telematico n. 191 del 22 dicembre 2011;

- n. 22 del 22 dicembre 2011 Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2012 e del bilancio pluriennale 2012-2014” che è pubblicata sul BUR Telematico nn. 192, 192.1 e 192.2 del 22 dicembre 2011;

Richiamate inoltre le proprie deliberazioni:

- n. 1057/2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;

- n. 1663/2006 "Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";

- n. 2416/2008 "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” ss.mm.;

- n. 1377 del 20/9/2010 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni generali” così come rettificata dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1950/2010;

- n. 2060 del 20 dicembre 2010 “Rinnovo incarichi a Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010;

- n.1222 del 4 agosto 2011 recante “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

- n. 1642 del 14 novembre 2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e lavoro e modifica all’autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l’Agenzia Sanitaria e Sociale regionale;

- n. 221 del 27 febbraio 2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

Dato atto del parere allegato

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

1) di approvare, per le motivazione espresse in premessa e qui integralmente richiamate, l’“Avviso regionale per l’ammissione degli Organismi di formazione al Catalogo interregionale dell’Alta Formazione - Annualità 2012” di cui all’Allegato A), parte integrante del presente atto.

2) di stabilire che l’istruttoria di ammissione al Catalogo degli organismi di formazione verrà espletata dal Servizio Programmazione Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro;

3) di stabilire altresì che il Dirigente del Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro approverà, con proprio atto, gli esiti dell’istruttoria effettuata sugli organismi di formazione, dal Servizio medesimo, prevedendo la pubblicazione all’indirizzo www.formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it e sul portale del Catalogo Interregionale dell’alta formazione all’indirizzo www.altaformazioneinrete.it

4) di dare altresì atto che il Dirigente del Servizio Gestione e Controllo delle attività realizzate nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro provvederà, con proprio atto, ad approvare le “Norme di funzionamento dei Corsi” per gli Organismi di Formazione che svolgono la loro attività in Regione Emilia-Romagna;

5) di rinviare ad un proprio successivo atto dell’avviso per la richiesta da parte delle persone residenti in Emilia-Romagna di assegni formativi per la partecipazione ai percorsi che saranno contenuti nel Catalogo per l’alta formazione che sarà approvato dalla Regione Veneto;

6) di prevedere una dotazione finanziaria complessiva per l’erogazione degli assegni formativi (voucher) di €. 1.000.000,00 a valere sull’Asse V - “Transnazionalità e Interregionalità“ del POR FSE “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna;

7) di pubblicare l’Avviso allegato nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna telematico, nonché sul sito della Regione Emilia-Romagna all’indirizzo www.formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it e sul portale del Catalogo Interregionale dell’Alta Formazione, all’indirizzo www.altaformazioneinrete.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it