E-R | BUR

n.28 del 08.02.2013 (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione della graduatoria delle forme associative ammesse e concessione dei contributi di cui alla "Manifestazione di interesse rivolta ad Enti pubblici per sostenere l'adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile" (D.G.R. 732/2012 e s.m.) e convenzione. Integrazione e modificazione della D.G.R. n. 732/2012

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il D.L. 22 giugno 2012, n. 83 convertito, con modificazioni, dalla L. 7 agosto 2012, n. 134, in particolare l’art. 18 “Amministrazione aperta”;

- la Legge regionale n. 26 del 23 dicembre 2004 recante “Disciplina della programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in materia di energia" ed in particolare gli articoli 2 e 8;

- la deliberazione dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna del 14 novembre 2007 n. 141 recante “Approvazione del Piano energetico regionale” con la quale sono stati definiti gli indirizzi programmatici della politica energetica regionale;

- la deliberazione dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna del 26 luglio 2011 n. 50 recante "Secondo piano triennale di attuazione del Piano energetico regionale 2011-2013" articolato in 8 assi che individuano le principali azioni strategiche;

Richiamata l’iniziativa denominata "Patto dei Sindaci", attivata dalla Commissione Europea nell’ambito della Settimana Europea dell'Energia sostenibile, che assegna un ruolo chiave alle città nella lotta al cambiamento climatico tramite l'attuazione di politiche locali in materia di energia;

 Richiamate le proprie deliberazioni n. 732 del 4 giugno 2012, recante “Manifestazione di interesse rivolta ad Enti pubblici per sostenere l'adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (PAES)” e n.1627 del 5 novembre 2012 recante “Modifica e criteri interpretativi alla D.G.R. 732/2012”;

Considerato che la Manifestazione di interesse approvata con la deliberazione n. 732/2012 e s.m. sopra citata prevede tra l’altro:

- all’art. 2 punto 2.1 che i soggetti beneficiari sono le Unioni di Comuni, le Comunità Montane, il Circondario Imolese e le Associazioni intercomunali del territorio della Regione Emilia-Romagna;

- all’art. 2 punto 2.2 che gli Enti di cui al punto precedente sono gli unici interlocutori nei confronti dell’Amministrazione regionale;

- all’art. 4 punto 4.1. che i soggetti aderenti tramite l’invio della manifestazione di interesse dichiarano la disponibilità dei Comuni associati a realizzare il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), previsto dalla Commissione Europea come atto obbligatorio in seguito all’Adesione al Patto dei Sindaci, documentata da apposita delibera di Consiglio comunale;

- all’art. 4 punto 4.2. che l’atto di delega alla forma associata a partecipare alla manifestazione di interesse, da parte dei Comuni, sarà considerato documentazione necessaria ai fini dell’ammissibilità al contributo e dovrà essere allegato al momento dell’adesione al presente invito o, qualora la delega sia rilasciata con deliberazione di un organo collegiale del Comune, potrà ritenersi assolto l’obbligo di allegazione indicando il numero di riferimento all’atto, come previsto dalla deliberazione n. 1627/2012;

- all’art. 4 punto 4.4.che vi è una soglia minima di accesso pari al 60% del numero dei Comuni associati a cui corrisponda almeno il 60% della popolazione totale della forma associata, da riferirsi, secondo le indicazioni interpretative fornite dalla D.G.R. 1627/2012, al numero di Comuni associati che non hanno ancora approvato il PAES ed alla relativa popolazione;

- all’art. 5 punto 5.4. che, in relazione alle domande per le quali l’istruttoria ha dato esito positivo, viene formulata la graduatoria dando priorità alle Unioni, Comunità Montane e Circondario Imolese e a seguire le Associazioni intercomunali, in ordine decrescente a partire dai soggetti con il maggiore numero di abitanti coinvolti, dando la priorità ai soggetti che aderiscono con il 100% dei Comuni associati, che non hanno ancora approvato il PAES, come specificato dalle indicazioni interpretative fornite dalla D.G.R. 1627/2012;

- all’art. 5 punto 5.5. che i soggetti beneficiari ammessi a contributo sottoscrivono con la Regione una specifica convenzione contenente gli impegni assunti;

Considerato che le “Associazioni intercomunali” indicate tra i soggetti beneficiari dal succitato art. 2 punto 2.1., agiscono attraverso il Comune capofila formalmente individuato, si è ritenuto di fornire indicazioni specifiche per l’esame delle domande presentate in fase di valutazione, riconoscendo come unico interlocutore nei confronti della Regione il Comune individuato come capofila della Associazione, che pertanto costituirà anche il beneficiario del contributo;

Considerato che la deliberazione 732/2012 e s.m. prevede inoltre:

- all’art. 5 punto 5.2. che il contributo previsto sia modulato in relazione a quattro fasce dimensionali, riferite al numero totale di abitanti della forma associata, facendo riferimento per la popolazione, al dato ISTAT alla data dell'1 gennaio 2011, a cui si aggiunge un contributo fisso per ogni Comune associato, riferendosi ai Comuni che non hanno approvato il PAES e alla relativa popolazione, come da indicazioni interpretative fornite dalla D.G.R. 1627/2012,come segue:

Numero di abitanti della forma associata

Contributo minimo previsto in Euro

<= 25.000 ab.

7.000

da 25.001 fino a 40.000 ab.

10.000

da 40.001 fino a 80.000 ab.

15.000

> 80.000

20.000

Numero Comuni della forma associata

Contributo fisso per ogni Comune previsto in Euro

Numero di Comuni associati fino a 5

2.000

Numero di Comuni associati da 6 a 10

1.500

Numero di Comuni associati superiore a 10

1.000

Preso atto che:

- entro il termine di presentazione della Manifestazione di interesse previsto all’art. 7 punto 7.1 della D.G.R. 732/2012 sono pervenute n. 41 manifestazioni di interesse corredate di apposite deleghe da parte dei Comuni alle relative forme associative o ai Comuni capofila;

- sulla base dell’esame svolto dal Nucleo di Valutazione, costituito con determinazione dirigenziale n. 12849 dell’11/10/2012,nel rispetto dei criteri indicati nella deliberazione sopra citata e secondo le indicazioni interpretative fornite dalla D.G.R. 1627/2012, sono risultati ammissibili per la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) n. 39 Manifestazioni di interesse come dettagliatamente riportato nell’Allegato 1), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- sulla base dell’esame svolto dal Nucleo di Valutazione sopra menzionato, sono altresì risultati non ammissibili n. 2 Manifestazioni di interesse, per le motivazioni riportate dettagliatamente a fianco di ciascuno, nell’Allegato 2), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- il Nucleo di Valutazione su indicato ha provveduto a formulare la graduatoria con indicazione degli importi dei contributi realizzata sulla base dei criteri sopra menzionati, come riportato nell’Allegato 3), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

Rilevato che:

- dall’articolazione prevista nell’invito a presentare Manifestazione di interesse all’adesione al Patto dei Sindaci preordinata alla realizzazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), approvato con la DGR n. 732/2012 sopra citata, non risulta individuato nel percorso amministrativo-contabile tracciato, il momento formale e la condizione tecnica per addivenire alla concessione del contributo regionale;

- risulta necessario al fine di consentire agli attori istituzionali coinvolti nel processo, in ragione anche degli obblighi richiesti, fornire certezza giuridico-contabile agli enti beneficiari dei contributi con riferimento alla reale disponibilità finanziaria assicurata attraverso la formale assegnazione e concessione regionale del vantaggio economico agli stessi attribuito;

- l’avvio del percorso che porterà alla formulazione e realizzazione del PAES necessita di un preciso inquadramento procedurale fermo restando tutti gli obblighi discendenti dalla Manifestazione di interesse operata dai soggetti coinvolti nel processo;

- dall’esame delle possibili soluzioni operative che il dettato dell’agire amministrativo-contabile presenta, si ritiene di poter considerare quale elemento produttivo ai fini della concessione del contributo, con conseguente sorgere dell’obbligazione giuridico-contabile discendente dal rapporto che verrà ad instaurarsi tra le parti e che a valere sull’esercizio finanziario 2012 determina l’assunzione a bilancio per l’Ente Regione dell’onere di spesa ad integrazione di quanto indicato nelle D.G.R. n. 732/2012 e n. 1627/2012, la presentazione della manifestazione di interesse alla realizzazione del PAES;

- risulta necessario precisare che il contributo concesso con il presente atto, avuto riferimento alla Manifestazione di interesse ed ai tempi tecnico amministrativi individuati per dare piena certezza operativa al complesso delle azioni/attività da mettere in campo, deve essere espressamente destinato alla realizzazione del PAES nelle forme e nei termini previsti dal percorso prescrizionale operativo tracciato dalla delibera della Giunta regionale n. 732/2012 e s.m.i.;

Ritenuto pertanto di approvare:

- l’"Elenco delle forme associative ammissibili a contributo di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. n. 732/2012 e s.m.i." riportato nell’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- l’"Elenco delle forme associative non ammissibili e non ammesse a contributo di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. n. 732/2012 e s.m.i.", riportato nell’Allegato 2) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- la “Graduatoria delle forme associative ammesse e relativi contributi concessi di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. n. 732/2012 e s.m.i.”, riportata nell’Allegato 3), quale parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, che prevede contributi per un ammontare complessivo di € 845.500,00;

- la convenzione riportata nello schema Allegato 4), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione demandando al Dirigente regionale competente, ai sensi della normativa regionale vigente ed in attuazione della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., la sottoscrizione delle stesse con i singoli beneficiari;

Ritenuto quindi, in ragione delle specificazioni sopra meglio citate, di assumere a proprio carico l’onere finanziario di € 845.500,00, come contributo concesso per la realizzazione del Piano di Azioni per l’Energia Sostenibile e che ricorrendo gli elementi di cui all’art. 47, secondo comma, della L.R. n. 40/2001, l’impegno di spesa per il medesimo importo possa essere assunto con il presente atto;

Considerato altresì:

- che lo scopo della Regione è favorire la creazione di condizioni affinché sia individuato il livello istituzionale più efficace per rispondere a istanze e bisogni dei Comuni ed anche per permettere e sostenere la redazione del PAES, sviluppando azioni integrate di area vasta in ambito energetico;

- che nel territorio regionale sono in atto processi di trasformazione, di modifica dell’ ambito territoriale o progetti di fusione che interessano gli Enti associativi di Comuni;

- che tali processi possono riguardare alcune forme associative che hanno presentato la manifestazione di interesse;

Ritenuto pertanto opportuno tracciare un percorso amministrativo contabile che risulti in grado di massimizzare ed ottimizzare l’impegno delle risorse regionali destinate alla realizzazione del PAES:

- di confermare il contributo concesso con il presente atto nel caso in cui il beneficiario, a seguito di un processo di cambiamento, opportunamente documentato, mantenga invariate le condizioni iniziali riferite ai Comuni coinvolti, aderenti alla manifestazione di interesse e alla relativa popolazione;

- di ridefinire altresì il contributo concesso con il presente atto modificandolo, nel caso in cui il beneficiario, in conseguenza di un processo di cambiamento, opportunamente documentato, muti le condizioni iniziali riferite ai Comuni coinvolti aderenti alla manifestazione di interesse e alla relativa popolazione. Dato quindi il caso in cui una forma associativa includa un Comune, proveniente da altra forma associativa (aderente alla manifestazione di interesse) o, per contro, escluda un Comune (aderente alla manifestazione di interesse), il contributo complessivo si intende ridefinito come segue:

1) mantenendo invariato il contributo minimo assegnato in base alla popolazione dalla presente deliberazione;

2) aggiungendo, mantenendo invariato l’impegno di spesa complessivo assunto con la presente deliberazione, o sottraendo (a seconda che ci si riferisca alla forma associativa che include o per contro a quella che esclude il Comune) la quota relativa al contributo fisso per Comune associato attribuita al beneficiario da cui il Comune proviene;

Richiamato infine l’art. 9 della citata deliberazione n. 732/2012 nel quale si prevede tra l’altro che i soggetti beneficiari del finanziamento regionale sono tenuti ad acquisire e comunicare alla Regione Emilia-Romagna il Codice Unico di Progetto CUP secondo quanto disposto dall’art.11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3;

Considerato che sulla base degli approfondimenti giuridici condotti dalla Direzione generale Attività produttive, Commercio, Turismo in rapporto alla tipologia della spesa che si intende finanziare con il presente provvedimento, la fattispecie non rientra nell’ambito dei progetti di investimento pubblico per i quali risulta obbligata l’acquisizione del Codice Unico di Progetto;

Ritenuto pertanto a parziale modifica di quanto previsto nell’art. 9 della citata deliberazione n. 732/2012 di non richiedere ai soggetti beneficiari del contributo l’acquisizione del Codice Unico di Progetto;

Viste:

- la L.R. 15 novembre 001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- la L.R. 22 dicembre 2011, n. 22 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2012 e del Bilancio pluriennale 2012-2014", nonché la L.R. 22 dicembre 2011, n. 21;

- la Legge 26 luglio 2012, n. 10 di assestamento al Bilancio di previsione 2012, nonché la L.R. 26/7/2012, n. 9;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 e successive modificazioni, in particolare l’art. 37;

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modificazioni;

- l’art. 1 del DPR 3/6/1998, n. 252;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24/7/2006 concernente “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;

- n. 1663 del 27 novembre 2006 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente” e s.m.i.;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 concernente “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007 e successive modificazioni”;

- n. 1222 del 4/8/2011 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

- n. 1377 del 20/9/2010 concernente “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni generali”;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta

Dell’Assessore alle Attività Produttive, Piano Energetico, Sviluppo Sostenibile, Economia Verde, Autorizzazione Unica Integrata;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni in premessa enunciate, che si intendono integralmente richiamate

1) di approvare, sulla base delle considerazioni riportate in premessa e qui integralmente richiamate, in attuazione delle proprie deliberazioni del 4 giugno 2012, n. 732 e n. 1627 del 5 novembre 2012, così come integrate e modificate con il presente provvedimento:

- l’"Elenco delle forme associative ammissibili a contributo di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. 732/2012 e s.m." riportato nell’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- l’"Elenco delle forme associative non ammissibili e non ammesse a contributo di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. 732/2012 e s.m.", riportato nell’Allegato 2) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

- la “Graduatoria delle forme associative ammesse e relativi contributi concessi di cui alla manifestazione di interesse approvata con D.G.R. 732/2012 e s.m.”, riportata nell’Allegato 3), quale parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, che prevede contributi per un ammontare complessivo di € 845.500,00;

2) di stabilire che con proprio atto il Dirigente competente per materia possa ridefinire il contributo concesso come riportato nell’Allegato 3) qualora intervengano cambiamenti legati alla forma associativa secondo le modalità esposte in premessa;

3) di impegnare la somma complessiva di € 845.500,00 sul Bilancio per l’esercizio finanziario 2012 che presenta la necessaria disponibilità, come segue:

a) quanto ad € 300.000,00 registrata al n. 4482 di impegno sul Capitolo 21069 “Contributi agli Enti delle amministrazioni locali per le attività di sviluppo dei programmi energetici locali e di promozione delle azioni del Piano energetico regionale (art. 2 c. 2, lett. c), L.R. 23 dicembre 2004 n. 26 e Azioni 7.1 e 7.4 del PTA 2011/2013)” U.P.B. 1.3.2.2.7130;

b) quanto ad € 545.500,00 registrata al n. 4483 di impegno sul Capitolo 21115 “Contributi agli Enti delle amministrazioni locali per le attività di sviluppo dei programmi energetici locali e di promozione delle azioni del Piano energetico regionale (art. 2 c. 2, lett. c), L.R. 23 dicembre 2004 n. 26 e Azioni 7.1 e 7.4 del PTA 2011/2013)” U.P.B. 1.3.2.2.7131;

4) di dare atto che alla liquidazione dei contributi provvederà con appositi atti formali il Dirigente regionale competente ai sensi dell’art. 51 della L.R. n. 40/2001 e della propria deliberazione n. 2416/08 e ss.mm., secondo le modalità previste all'art. 6 della manifestazione di interesse approvata con la propria deliberazione n. 732/12 e s.m. e nella convenzione di cui al punto successivo;

5) di approvare la convenzione secondo lo schema riportato nell’Allegato 4), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, alla cui sottoscrizione per conto della Regione con i singoli soggetti beneficiari provvederà il Dirigente regionale competente;

6) di rimandare per tutto quanto non espressamente previsto dal presente provvedimento alla propria deliberazione n. 732/2012 e s.m.i. dando atto che qualora si rendesse necessaria in fase attuativa una ridefinizione del percorso amministrativo tracciato con i provvedimenti amministrativi indicati, si procederà con proprio successivo atto a porre in essere tutti gli elementi contenutistico convenzionistici con i soggetti beneficiari dei contributi;

7) di dare atto che il presente provvedimento sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul portale web della Regione Emilia-Romagna, al seguente indirizzo: energia.regione.emilia-romagna.it.

Allegato parte integrante - 4 

Allegato 4)

Schema di convenzione tra Regione Emilia-Romagna e la forma associativa per la realizzazione del PAES di cui alla D.G.R. n. 732 del 4 giugno 2012 e s.m.i.

L'anno _______, il giorno _______del mese di _______, fra la Regione Emilia-Romagna C.F.80062590379,con sede in Bologna (BO), Viale Aldo Moro n. 52, rappresentata da _____________, nella sua qualità di Direttore generale alle Attività produttive, Commercio, Turismo, domiciliato per la carica in Bologna, Viale Aldo Moro n. 44,

e

La forma associativa denominata __________________________, C.F.___________ con sede legale__________________, rappresentata da ______________, in qualità di _______________, beneficiaria del contributo regionale in esecuzione,

oppure

Il Comune ___________, C.F.___________ con sede legale__________________, Capofila della forma associativa denominata _______________ rappresentato da ______________, in qualità di __________________________, beneficiario del contributo regionale in esecuzione,

premesso che

- la Regione Emilia-Romagna ha approvato il Piano Energetico Regionale (PER) con DAL 141/2007, attuato attraverso Piani Triennali di Attuazione (PTA);

- il PTA 2011-2013 è stato approvato con DAL 50/2011;

- nel PTA sono stati definiti 8 assi di intervento articolati in azioni;

- in particolare l’asse 7 del PTA intende sostenere le attività finalizzate alla diffusione e all’affermazione di una nuova cultura dell’uso razionale dell’energia e di sviluppo delle fonti rinnovabili;

- la Regione Emilia-Romagna ritiene che un apporto determinante al raggiungimento degli obiettivi del Piano sia costituito dal contributo degli Enti locali e dal coinvolgimento dei diversi territori, attraverso la valorizzazione delle specifiche vocazioni e sviluppando sinergie tra le diverse fonti energetiche;

- l’energia è rilevante come componente dei consumi, come fattore di produzione, come motore della nuova industria, nonché questione centrale per l’ambiente e la qualità della vita;

- la Commissione Europea nel 2008 ha attivato, nell’ambito della settimana europea dell’Energia Sostenibile, un’iniziativa denominata “Patto dei Sindaci”, che assegna un ruolo chiave alle città nella lotta al cambiamento climatico, tramite l’attuazione di politiche locali in materia di energia;

- l’adesione al Patto dei Sindaci è un atto volontario che impegna i Sindaci a realizzare un Piano di Azioni per l’Energia Sostenibile (PAES);

- la Regione Emilia-Romagna intende promuovere, diffondere e sostenere il “Patto dei Sindaci”, attraverso la “Manifestazione di interesse rivolta ad Enti pubblici per sostenere l’adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile” di cui alla D.G.R. 732/2012 (di seguito manifestazione), ritenendola un’esperienza rilevante per favorire l’attuazione del Piano Triennale di interventi 2011-2013;

- la Regione Emilia-Romagna, con deliberazione di Giunta regionale n.______ del ___________, ha proceduto all’"Approvazione della graduatoria delle forme associative ammesse a concessione dei contributi di cui alla “Manifestazione di interesse rivolta ad Enti pubblici per sostenere l’adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile" (D.G.R. 732/2012 e s.m.i.) e relativa convenzione”.

si conviene e si stipula quanto segue

Art. 1

Oggetto

1. Forma oggetto della presente convenzione la redazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (di seguito PAES), da parte dei Comuni associati che hanno delegato la forma associativa/il Comune Capofila della forma associativa a cui appartengono, a presentare la Manifestazione di interesse e a firmare la presente convenzione, ai sensi degli artt. 2 e 5 punto 5.5 della D.G.R. n. 732/2012 e s.m.

Art. 2

Durata

1. La durata della presente convenzione è di 18 (diciotto) mesi decorrenti dalla data di esecutività della deliberazione di Giunta regionale indicata in premessa di approvazione della graduatoria delle forme associative ammesse e concessione dei contributi di cui alla manifestazione.

2. La predetta durata può essere prorogata, nel rispetto della normativa regionale vigente, di comune accordo tra le parti, previa adozione di atto formale del Dirigente regionale competente,qualora ne venga fatta richiesta al fine di permettere la redazione del PAES da parte di tutti i Comuni associati ed aderenti alla Manifestazione e solo in subordine alla concessione di proroga da parte della Commissione Europea dei termini, dalla stessa previsti, per la presentazione dei Piani di Azione (art. 8 punto 8.1 D.G.R. 732/2012).

Art. 3

Soggetti attuatori

1. I soggetti attuatori della presente convenzione sono i Comuni di _________________ riuniti nella forma associativa _________________, beneficiaria/il cui Comune Capofila è beneficiario del contributo per la realizzazione del PAES dei Comuni associati ed unico interlocutore della Regione.

Art. 4

Rendicontazione tecnica

1. Il beneficiario si impegna a presentare, come rendicontazione tecnica, in allegato al PAES dei Comuni associati, il “Modulo SEAP (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile)”, che la Commissione Europea chiede di compilare online all’atto di invio del Piano. Nel documento sono individuate:

  • La strategia generale: obiettivo di riduzione di CO2 previsto, visione a lungo termine (“Vision 2020”), aspetti organizzativi e finanziari;
  • Le azioni di coinvolgimento dei cittadini e dei soggetti interessati.
  • I risultati chiave dell’Inventario di base delle emissioni, indicando il consumo di energia e le principali fonti di emissione di CO2;
  • La sintesi del PAES nella quale siano definite le azioni/misure per settori e campi d’azione a lungo e breve termine che attuano gli obiettivi strategici, assieme a tempistiche, responsabilità e budget assegnati.

Art. 5

Contributi e relativa liquidazione

1. Per la realizzazione del PAES dei Comuni associati di cui all’art. 1 è riconosciuto alla forma associativa ___________________/al Comune capofila per la forma associativa _______________ un contributo di € ___________;

2. La liquidazione avviene in un’unica soluzione secondo le modalità previste all’art. 6 della deliberazione 732/2012 e s.m.;

3. In sede di liquidazione, qualora siano cambiate le condizioni rispetto alle quali è stato calcolato il contributo concesso, questo verrà ridefinito e liquidato secondo le modalità previste dalle deliberazioni di Giunta regionale n. 732/2012 e s.m. ed i. indicate nel provvedimento di approvazione della presente convenzione.

Art. 6

Obblighi del soggetto beneficiario

1. Il beneficiario con la presente convenzione si impegna a:

a) supportare e coordinare i Comuni associati, creando reali condizioni, affinché gli stessi rispettino, nei tempi previsti, l’obbligo di realizzazione del PAES, avvalendosi anche della struttura di coordinamento, qualora individuata, e del sostegno di ANCI-ER, accreditate entrambe presso la Commissione europea per svolgere il ruolo dalla stessa assegnato;

b) contribuire attivamente alla “rete coordinata degli attori regionali coinvolti nelle attività di sostegno alla promozione del risparmio energetico e della produzione di energia da FER” di cui alla Azione 7.1 del Piano Triennale Attuativo 2011-2013 del Piano Energetico Regionale;

c) trasmettere tempestivamente eventuali variazioni relative ai referenti individuati per il “Patto dei Sindaci” nell’ Allegato 2), Modulo di manifestazione di interesse;

d) segnalare e documentare eventuale richiesta di proroga dei termini di approvazione del PAES, inoltrata alla Commissione Europea, qualora si intenda avvalersi, ai sensi dell’art. 8.1 della DGR 732/2012, della proroga dei termini di cui all’art. 7.2 e richiedere la modifica della durata della presente convenzione;

e) a comunicare ed opportunamente motivare la eventuale “sopravvenuta impossibilità” a redigere il PAES da parte di un Comune associato;

f) a comunicare ed opportunamente documentare, eventuali modifiche,trasformazione degli ambiti o fusioni intervenute nell’Ente associativo;

g) a trasmettere tramite posta certificata alla Regione Emilia-Romagna la delibera di Consiglio comunale di approvazione del PAES di ogni Comune associato aderente alla manifestazione, corredata del Piano di Azione stesso e della rendicontazione tecnica, entro la durata della convenzione.

Art. 8

Controversie

1.

Per la risoluzione giudiziale di ogni eventuale controversia si conviene di eleggere esclusivamente il Foro di Bologna.

Art. 9

Spese di registrazione

1. Il presente atto sarà registrato solo in caso di uso ai sensi del DPR 26 ottobre 1972, n. 634 e successive modifiche ed integrazioni, a cura della parte richiedente.

Bologna, ……………

Letto e sottoscritto

per la Regione Emilia-Romagna per la forma associativa/
Il Direttore generale alle Attività Comune Capofila
produttive, Commercio, Turismo......................................................................

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it