E-R | BUR

n.322 del 09.10.2019 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Riapertura dei termini dell'avviso pubblico per la costituzione di un Elenco di Avvocati per l'affidamento di incarichi professionali

Art. 1 – Oggetto

In attuazione della Deliberazione del Direttore Generale n. 227 del 26/7/2019 così come modificata dalla delibera n. 268 del 30/9/2019 è indetto un avviso pubblico con riapertura dei termini del precedente bando pubblicato nel BUR n. 293 del 11/9/2019 finalizzato alla costituzione di un elenco di avvocati dal quale eventualmente attingere ai fini del conferimento, ai sensi del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, art. 4 e art. 17, comma 1, lett. d), di incarichi di patrocinio legale nell’interesse dell’Istituto Ortopedico Rizzoli (Istituto) e per incarichi di assistenza legale a carattere consulenziale e di supporto.

L'Elenco è suddiviso in sette (7) sezioni:

  1. Diritto civile e penale – Responsabilità Sanitaria
  2. Diritto civile e commerciale
  3. Diritto Penale
  4. Diritto del lavoro e della previdenza sociale
  5. Diritto Amministrativo
  6. Diritto applicato alla Information e Communication Technology, sicurezza e tutela dei dati personali
  7. Diritto delle imprese/società/consorzi/associazioni e delle attività produttive e commerciali, dei beni immateriali e opere dell’ingegno, diritto internazionale.

Ciascun avvocato in possesso dei requisiti indicati all’art. 2 potrà inoltrare istanza per l'inserimento in massimo due sezioni.

L'Elenco sarà approvato con deliberazione del Direttore Generale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e verrà pubblicato sul sito internet aziendale.

Art. 2 – Requisiti di ammissione

Possono partecipare alla procedura coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti generali e specifici:

  1. iscrizione all'Albo Professionale degli Avvocati da almeno 5 anni e comprovata esperienza professionale, desumibile da dettagliato curriculum vitae con particolare riguardo alla sezione per la quale si richiede l’inserimento.
  2. godimento dei diritti civili e politici;
  3. assenza di condizioni che limitino o escludano, a norma di legge, la capacità di contrarre con la pubblica amministrazione;
  4. insussistenza dei motivi di esclusione di cui all’art. 80 del d.lgs. 50/2016 e ss.mm.ii., relativamente alle ipotesi applicabili;
  5. assenza di provvedimenti disciplinari relativi all’esercizio della professione forense;
  6. assenza di conflitto di interessi o di cause di incompatibilità a svolgere incarichi in difesa dell’Ente. In particolare, non avere negli ultimi tre anni dalla data di presentazione della domanda, contro questo Istituto o suoi dipendenti per motivi d’ufficio: avanzato richieste di risarcimento danni o diffide, cause in corso, costituzioni di parte civile o difese di parti offese, incarichi da parte di querelanti/denuncianti;
  7. impegno a non avere rapporti di patrocinio contro l'Istituto Ortopedico Rizzoli o contro il personale aziendale nel periodo di iscrizione nell'Elenco nonché nel periodo di svolgimento delle attività di patrocinio derivanti dall'iscrizione nell'Elenco suddetto (impegno che va esteso anche ai professionisti dell'associazione o società professionale di cui eventualmente faccia parte l'istante), a pena di revoca dell’incarico ed esclusione dall’elenco;
  8. ai fini della determinazione del compenso per attività giudiziale o stragiudiziale, nonché per i procedimenti di mediazione e Accertamento tecnico Preventivo finalizzato alla conciliazione, assunzione dell’obbligo di applicare le tariffe così come stabilite nelle “condizioni generali” allegate al presente bando e al successivo articolo 6.
  9. possesso, con l'obbligo di mantenerla per tutto il periodo di iscrizione all'elenco aziendale e per tutto il periodo di svolgimento delle attività di patrocinio derivanti dall'iscrizione nell'Elenco suddetto, di una assicurazione professionale personale, per un massimale di almeno 1.000.000,00 euro.
  10. impegno a mantenere la riservatezza e segretezza in relazione agli incarichi conferiti, nonché a rispettare le norme deontologiche forensi e il codice di comportamento dell’Istituto per quanto compatibile.
  11. disponibilità a incontrare l’assistito su richiesta e a partecipare a incontri presso la sede dell’Ente senza oneri aggiuntivi, neppure di trasferta e non attribuire costi aggiuntivi relativi alla domiciliazione per cause sul Foro di Bologna.
  12. iscrizione all’albo professionale degli Avvocati
  13. tutti i requisiti sopra detti dovranno essere autocertificati con le modalità di cui al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 s.m.i., dovranno essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione e permanere durante tutto il periodo di validità dell'elenco.

Art. 3 – Domanda di ammissione

La domanda di ammissione in carta semplice, redatta preferibilmente secondo il modello Allegato A al presente avviso con la forma della Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del dpr 28 dicembre 2000, n. 445, dovrà essere datata e sottoscritta dal singolo professionista iscritto all'Albo e indirizzata al Direttore Generale dell'Istituto Ortopedico Rizzoli.

Alla domanda dovranno essere allegati:

1) curriculum vitae e a scopo informativo

2) fotocopia non autenticata del documento di identità del professionista

3) condizioni generali di cui all'Allegato B sottoscritte per accettazione

La domanda e i relativi allegati, debitamente sottoscritti, dovranno essere inoltrati in unico file formato pdf esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata personale del singolo professionista, esplicitando in oggetto la dicitura “Avviso pubblico per la costituzione di un elenco di Avvocati”, al seguente indirizzo PEC: direzione.amministrativa@pec.ior.it.

È esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione.

Sono ammesse unicamente domande provenienti da singoli professionisti ancorché aderenti ad associazioni o società tra avvocati.

A pena di inammissibilità, la domanda dovrà pervenire entro il termine perentorio di gg 30 dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna. Il termine è fissato nelle ore 24:00 del giorno di scadenza indicato nel Bollettino Ufficiale medesimo.

L'Istituto Ortopedico Rizzoli declina ogni responsabilità per eventuali ritardi delle domande imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

L'Istituto Ortopedico Rizzoli non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatta indicazione del recapito PEC, oltre che dalla mancata acquisizione delle ricevute di accettazione e consegna PEC, da parte dell'istante oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo PEC indicato nella domanda, né per eventuali disguidi elettronici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

Saranno escluse le istanze:

- pervenute dopo la scadenza del termine del presente avviso, anche se spedite entro il giorno e l'ora indicate, qualunque sia la causa del ritardo, anche se non imputabile al candidato;

- mancanti di curriculum vitae;

- mancanti delle condizioni generali sottoscritte per accettazione;

- effettuate da soggetti non in possesso dei requisiti di ammissione indicati in precedenza.

Si rammenta, infine, che l'Istituto Ortopedico Rizzoli effettuerà idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive ricevute e che, oltre alla decadenza dell'interessato dai benefici eventualmente conseguiti sulla base della dichiarazione non veritiera, sono applicabili le sanzioni penali previste per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.

Art. 4 – Iscrizione nell'Elenco

L’iscrizione nell'Elenco, suddiviso nelle sezioni individuate all’art. 1,avverrà previo esame da parte degli uffici aziendali delle domande presentate. L'iscrizione consegue all'esito favorevole della verifica della regolarità e completezza delle domande di ammissione, della documentazione allegata e del possesso dei requisiti risultante dalle dichiarazioni pervenute.

L'omessa indicazione e/o il mancato possesso dei requisiti richiesti dal presente avviso nonché la mancata allegazione e/o sottoscrizione delle condizioni generali e/o del curriculum vitae determinano l’inammissibilità della domanda.

L'Elenco, per mera comodità di consultazione, verrà formulato secondo il criterio alfabetico.

L'iscrizione nell’Elenco è approvata con deliberazione del Direttore Generale ed è pubblicata sul sito internet dell'Istituto entro i successivi 60 giorni.

È facoltà del professionista iscritto chiedere in ogni momento la cancellazione dall’elenco. Decorso il termine di 3 anni dalla data di approvazione dell’elenco di cui al presente avviso, con deliberazione del Direttore Generale, l’Istituto procede all’aggiornamento dell’elenco mediante la pubblicazione di un nuovo avviso pubblico per la verifica del mantenimento dei requisiti dei soggetti iscritti e l’ammissione di nuove candidature.

L’istituto può disporre la cancellazione d’ufficio di un professionista dall’elenco, dandone tempestiva comunicazione, qualora si verifichi una delle circostanze indicate dall’art. 8 dell’Allegato B al presente avviso.

Art. 5 - Modalità di affidamento dell'incarico

L'inserimento in Elenco non comporta l'assunzione di alcun obbligo specifico da parte dell'Istituto, né l'attribuzione di alcun diritto soggettivo in capo al professionista iscritto in ordine ad eventuali conferimenti di incarichi.

L’Istituto si riserva di attingere dall’elenco ai fini dell’individuazione di un professionista cui conferire, ai sensi dell’art. 17, comma 1, lett. d), oltre che nel rispetto dei principi generali stabiliti dall’art. 4 del d.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., l’incarico di cui all’art. 1 del presente avviso, attraverso i criteri oggettivi, non discriminatori, di:

- professionalità e competenza desunte dal numero e dalla rilevanza degli incarichi svolti;

- titoli accademici o professionali attinenti alla materia oggetto dell’incarico legale da affidare;

- consequenzialità e/o complementarietà con altri incarichi conferiti in precedenza;

- proficua collaborazione con l’Istituto in relazione alla medesima questione/materia/contenzioso

- preventivo contenente la specifica offerta economica.

La scelta dell’incaricato avviene nel rispetto dei criteri sopra indicati previa consultazione di almeno n. 2 ( due) professionisti, tenuto conto dell’oggetto, del livello di complessità della controversia e del valore economico della controversia, nonché del criterio di rotazione degli incarichi ove compatibile con le esigenze da soddisfare nel caso di specie.

Ciascun professionista consultato fornisce all’ Istituto un dettagliato preventivo di spesa entro n. 5 giorni lavorativi dall’invio della richiesta; decorso il predetto termine, l’Istituto procede alla valutazione comparativa dei soli preventivi di spesa tempestivamente pervenuti. L’Istituto, valutate le circostanze del caso di specie e la congruità del compenso proposto, si riserva di affidare l’incarico anche qualora sia pervenuto un solo preventivo di spesa, fermi restando i criteri di affidamento di cui sopra.

Il legale incaricato svolge la sua prestazione professionale in modo autonomo. Il rapporto che sorgerà tra l'Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna e i professionisti presenti in Elenco sarà regolato dalle condizioni generali riportate nell'Allegato B al presente avviso. Il rispetto delle Condizioni Generali costituisce condizione necessaria per il mantenimento nell'Elenco e il successivo conferimento di eventuali incarichi.

Gli iscritti all’elenco dovranno comunicare tempestivamente ogni variazione dei requisiti richiesti per l’iscrizione nell’elenco medesimo.

L’Elenco potrà essere utilizzato dall’Azienda per l’affidamento di incarichi libero professionali nei casi di richiesta di patrocinio legale da parte del personale aziendale ai sensi della vigente contrattazione collettiva nazionale di lavoro.

Resta salvo il diritto del personale aziendale di affidare un incarico ad un difensore di fiducia non compreso nell’elenco ai sensi dell’art. 25, comma 2, del CCNL 8 giugno 2000 per la Dirigenza Medica Veterinaria o ai sensi dell’art. 25, comma 2, del CCNL 8 giugno 2000 per la Dirigenza SPTA o ai sensi dell’art. 26 comma 2 del CCNL 20 settembre 2001 per il Comparto Sanità.

L’individuazione del legale nell’ambito dell’Elenco è rimessa alla libera scelta del personale coinvolto nel procedimento.

L’Elenco sarà altresì utilizzabile dall’Istituto e/o dal personale aziendale nell’ambito del Programma regionale per la gestione diretta dei sinistri derivanti da responsabilità sanitaria, fatte salve diverse indicazioni e/o determinazioni da parte della Regione Emilia-Romagna.

L’Elenco sarà anche utilizzabile dall’Istituto per conferire incarichi a propria tutela nei procedimenti di cui all’art. 17 lett. d) del D.Lgs. n. 50/2016.

L’assegnazione dell’incarico avviene mediante invio tramite PEC della delibera di incarico.

Per il personale, l’affidamento dei singoli incarichi verrà formalizzato tramite conferimento di mandato difensivo sottoscritto direttamente dal personale interessato.

Il compenso ai sensi delle condizioni generali - Allegato B al presente avviso sarà erogato all’espletamento dell’incarico.

In casi residuali ed eccezionali caratterizzati da consequenzialità tra incarichi o di complementarietà con altri incarichi attinenti alla medesima materia, ovvero nei casi di particolare complessità o novità del thema decidendum, o ad esigenza di difesa comune con altri enti, l’Istituto si riserva di procedere mediante affidamento diretto, adeguatamente motivato, a un professionista anche non iscritto nell’elenco, al fine di garantire il miglior soddisfacimento dei propri interessi.

Resta fermo quanto previsto dai commi precedenti in merito al possesso dei requisiti di competenza e professionalità e di conguità delle condizioni economiche praticate

Art. 6 – Onorario

I compensi professionali relativi agli incarichi conferiti come all’art. 5 sono corrisposti avuto riguardo alle tariffe forensi così come determinate dal Decreto del Ministero della Giustizia n. 55/2014 (e successivi aggiornamenti), con le riduzioni previste all’articolo 5 delle “condizioni contrattuali” per ogni fase del procedimento, oltre al rimborso di una percentuale massima del 15% per spese generali.

Non sono riconosciute spese di viaggio e domiciliazione sul Foro di Bologna.

In tutti questi casi, l’Avvocato incaricato cura, per conto ed in nome dell’Ente, l’esazione delle spese e degli onorari cui la controparte è stata condannata fino all’emanazione del precetto. Sono a carico dell’Avvocato tutti gli adempimenti per il recupero del credito fatto salvo il rimborso delle spese anticipate per conto dell’Ente (quali: contributo unificato, spese di notifica, spese per registrazione atti e similari), solo se debitamente documentate.

Art. 7 – Informativa privacy

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo n. 679/2016, l’Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR), in qualità di “Titolare” del trattamento, è tenuta a fornirle informazioni in merito all’utilizzo dei suoi dati personali.

Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente Informativa è l’Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR), con sede in Bologna, Via di Barbiano, 1/10, cap 40136.

Il Responsabile della protezione dei dati designato dall’Ente è contattabile all’indirizzo mail dpo@ausl.bologna.it.

L’Istituto può avvalersi di soggetti terzi per l’espletamento di attività e relativi trattamenti di dati personali di cui manteniamo la titolarità. Conformemente a quanto stabilito dalla normativa, tali soggetti assicurano livelli esperienza, capacità e affidabilità tali da garantire il rispetto delle vigenti disposizioni in materia di trattamento, ivi compreso il profilo della sicurezza dei dati.

Formalizziamo istruzioni, compiti ed oneri in capo a tali soggetti terzi con la designazione degli stessi a "Responsabili del trattamento". Sottoponiamo tali soggetti a verifiche periodiche al fine di constatare il mantenimento dei livelli di garanzia registrati in occasione dell’affidamento dell’incarico iniziale.

I dati personali sono trattati da personale interno previamente autorizzato e designato quale incaricato del trattamento, a cui sono impartite idonee istruzioni in ordine a misure, accorgimenti, modus operandi, tutti volti alla concreta tutela.

Il trattamento dei dati personali viene effettuato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli per lo svolgimento di funzioni istituzionali e, pertanto, ai sensi dell’art. 6 comma 1 lett. e) non necessita del suo consenso. I dati personali sono trattati per la finalità di gestione delle procedure per l'iscrizione all'Elenco istituito con Deliberazione del Direttore Generale n. 227 del 26/7/2019.

I dati personali non sono oggetto di comunicazione o diffusione

I dati personali non sono trasferiti al di fuori dell’Unione europea.

I dati sono conservati per un periodo non superiore a quello necessario per il perseguimento delle finalità sopra menzionate. A tal fine, anche mediante controlli periodici, viene verificata costantemente la stretta pertinenza, non eccedenza e indispensabilità dei dati rispetto al rapporto, alla prestazione o all'incarico in corso, da instaurare o cessati, anche con riferimento ai dati che Lei fornisce di propria iniziativa. I dati che, anche a seguito delle verifiche, risultano eccedenti o non pertinenti o non indispensabili non sono utilizzati, salvo che per l'eventuale conservazione, a norma di legge, dell'atto o del documento che li contiene. L’interessato ha diritto:

  • di accesso ai dati personali;
  • di ottenere la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano;
  • di opporsi al trattamento;
  • di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali

Il conferimento dei dati è facoltativo, ma necessario per le finalità sopra indicate. Il mancato conferimento impedisce l’attuazione della finalità e quindi l'esclusione dalla procedura.

Art. 8 – Disposizioni finali

Le domande in riferimento al precedente bando pubblicato nel BUR n.293 del 11/9/2019 sono ritenute valide anche ai fini del presente bando e non necessitano di ripresentazione.

Il presente avviso è pubblicato sul sito internet dell'Istituto Scientifico: www.ior.it nonché nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e verrà inviato ai Consigli dell'Ordine degli Avvocati di Bologna e di Palermo.

Il presente avviso non è finalizzato alla predisposizione di una graduatoria e non pone in essere alcuna procedura concorsuale o paraconcorsuale, ma ha la semplice funzione di creare una banca dati da consultare al solo fine di individuare gli avvocati a cui affidare gli incarichi professionali. L’Istituto si riserva inoltre ogni facoltà di disporre eventualmente la revoca dell'avviso, di non procedere all'approvazione dell'Elenco ovvero di non utilizzare l'Elenco in caso di modifiche normative e/o contrattuali che determinino il venir meno dei presupposti per cui è stata indetta la presente procedura.

Art. 9 - Responsabile del procedimento e richieste di informazioni

Ai sensi dell’art. 4, comma 2 del presente avviso, il responsabile del procedimento per la costituzione dell’elenco è la Dott.ssa Laura Mandrioli, Responsabile del Servizio affari legali e generali dell’Istituto.

Eventuali informazioni possono essere chieste via pec, entro il termine di validità del presente avviso, esplicitando in oggetto la dicitura “INFORMAZIONI CIRCA L’AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI AVVOCATI”, all’indirizzo direzione.amministrativa@pec.ior.it.

Non saranno, pertanto, fornite risposte ai quesiti pervenuti successivamente al termine indicato.

Scadenza: 8 novembre 2019

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it