E-R | BUR

n.56 del 03.03.2016 (Parte Seconda)

XHTML preview

Sistema regionale di istruzione e formazione professionale - IEFP - Azione di supporto realizzata dagli Istituti Professionali: specifiche relative ai destinatari degli interventi

 LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 “Modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione”;

- il decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226 e successive modificazioni, recante “Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione a norma dell’articolo 2 della legge 28 marzo 2003, n. 53” e in particolare il Capo III;

- la legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge Finanziaria 2007) ed in particolare l’art. 1, commi 622, 624, 632 e il successivo DM 139/2007, concernente l’obbligo di istruzione;

- il decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, contenente, all’articolo 13, disposizioni urgenti in materia di istruzione tecnico-professionale e di valorizzazione dell’autonomia scolastica;

Viste le Leggi Regionali:

- n. 12/03 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale anche in integrazione tra loro” e ss.mm.;

- n. 5/11 “ Disciplina del sistema regionale dell’istruzione e formazione professionale ” e s.m.;

Vista in particolare la Delibera dell’Assemblea legislativa n. 54 del 22/12/2015 “Programmazione triennale in materia di offerta di percorsi di istruzione e formazione professionale aa.ss. 2016/17, 2017/18 e 2018/19 (Proposta della Giunta regionale in data 12 novembre 2015, n. 1709)”;

Viste le proprie deliberazioni:

- n. 2049/2010 “Approvazione dei requisiti e modalità di selezione degli enti di formazione professionale e degli istituti professionali per l'attuazione dell'offerta dei percorsi triennali di IeFP”;

- n. 298/2011 “Approvazione delle Disposizioni per la realizzazione dell'offerta regionale di istruzione e formazione professionale dell'a.s. 2011/2012”;

- n. 533/2011 “Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa per il triennio a qualifica 2011/2013 a supporto dei soggetti del sistema IeFP”;

- n. 928/2011 “Azione Regionale IeFP: approvazione dei soggetti attuatori e delle modalità di gestione, in attuazione della DGR n. 533/2011”;

- n. 846/2013 “Modifiche delle modalità di liquidazione concernenti il Piano di Azione Regionale a sostegno della realizzazione dell'offerta IeFF - DGR nn.533/11 - 928/11 e ss.mm.ii”;

Viste in particolare le proprie deliberazioni:

- n. 78/2015 “Azione di supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale L.R. 5/2011 art. 11 – Istituti Professionali: triennio a qualifica avviato nell'a.s. 2014/2015”;

- n. 1525/2015 “Finanziamento degli istituti professionali in relazione all'azione regionale per l'integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale l.r. 5/2011 e s.m.i.- triennio a qualifica 2014-2016. Variazione di bilancio. Modifica della DGR 78/2015, atto del dirigente 3467/2015 e DGR 928/2011 e s.m.”;

Richiamata la determinazione dirigenziale n.3467/2015 “Assegnazione delle risorse a favore degli istituti professionali necessarie all'azione di supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale L.R. 5/2011 art. 11 - Triennio a qualifica avviato nell'a.s. 2014/2015” con la quale si è proceduto all'assegnazione, a favore dei 71 Istituti Professionali operanti in regime di sussidiarietà integrativa, delle risorse complessivamente pari a euro 4.000.000,00, così come quantificate in applicazione dei criteri previsti dalla propria deliberazione n. 78/2015, per la realizzazione dell’azione di supporto al sistema di istruzione e formazione professionale L.R. 5/2011, art.11, per il triennio a qualifica avviato nell'a.s. 2014/2015;

Dato atto che in attuazione di quanto previsto dalla propria deliberazione n.78/2015, con successiva deliberazione n. 1525/2015 si è provveduto al finanziamento dell’azione regionale per il triennio a qualifica avviato nell’a.s. 2014/2015 con le risorse nazionali di cui alla Legge 144/1999 - Decreti Direttoriali n.6/Segr.D.G./2014 del 7/10/2014 e n.67/Segr.D.G./2015 del 18/3/2015 - con i quali il Ministero Del Lavoro e delle Politiche Sociali ha assegnato alla Regione Emilia-Romagna risorse di cui alla Legge n.144/1999 per le annualità 2014 e 2015;

Considerato che con riferimento alla programmazione dell’offerta di Istruzione e Formazione Professionale, sono intervenute modifiche del quadro istituzionale, normativo e procedurale ed in particolare: 

  • la Legge regionale 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città Metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni”, al Capo V, ha disposto in materia di istruzione, istruzione e formazione professionale, formazione professionale, lavoro, ai fini della definizione dell'assetto delle funzioni e dell'attribuzione delle competenze alla Regione, alla Città metropolitana di Bologna, alle Province, favorendo l'esercizio associato in aree vaste funzionali, ai Comuni e alle loro Unioni prevedendo, tra le altre, che la Regione esercita le funzioni in materia di programmazione e attuazione amministrativa dell'offerta formativa inerente all'istruzione e formazione professionale;
  • in attuazione di quanto sopra disposto, l’Assemblea Legislativa con la propria deliberazione n. 54 del 22/12/2015 sopra citata ha approvato il documento di programmazione triennale dell’offerta di istruzione e formazione professionale;
  • l’Accordo in sede di Conferenza Stato - Regioni del 24 settembre 2015, sul progetto sperimentale recante “Azioni di accompagnamento, sviluppo e rafforzamento del sistema duale nell’ambito dell’Istruzione e Formazione Professionale”, ha disposto in materia di qualificazione del sistema di Istruzione e formazione professionale;

Valutato l’effettivo stato di avanzamento delle azioni realizzate nelle precedenti annualità nell'ambito dell’azione regionale a supporto del sistema di Istruzione e Formazione Professionale da parte delle istituzioni scolastiche che in regime di sussidiarietà integrativa realizzano i percorsi di IeFP;

Dato atto inoltre che:

  • con propria deliberazione n. 1710/2015, tenuto conto della conclusione della fase sperimentale di avvio del sistema di IeFP nonché del riordino istituzionale, è stato istituito via sperimentale, un unico organismo per il coordinamento e gestione unitaria del sistema, denominato “Conferenza Tecnica per il Coordinamento e Gestione Unitaria del Sistema Regionale di Istruzione e Formazione Professionale” costituito da componenti della Regione Emilia-Romagna, Ufficio Scolastico della regione Emilia-Romagna, e in via paritetica da 9 componenti degli Istituti Professionali e da 9 componenti degli Enti di Formazione che realizzano l’offerta formativa di IeFP nell’a.s. 2015/2016;
  • la suddetta Conferenza si è riunita in data 10/12/2015 e, come risulta dal verbale della stessa, si è convenuto sulla necessità di affrontare quale argomento prioritario l’Azione regionale di supporto al sistema IeFP al fine di procedere alla definizione dell’impianto generale ed in particolare è stata condivisa la necessità di lavorare sui seguenti elementi:
    • impianto progettuale e obblighi connessi al finanziamento attraverso le risorse del POR Fondo Sociale Europeo 2014/2020;
    • procedure di selezione e di finanziamento tenuto conto dei vincoli derivanti dalla normativa in materia di armonizzazione dei Bilanci delle Pubbliche Amministrazioni;
    • azioni previste in funzione degli obiettivi prioritari da raggiungere con riferimento alle diverse annualità del percorso triennale;

Ritenuto pertanto necessario, sulla base di quanto sopra esposto, rendere possibile alle singole autonomie scolastiche di perseguire pienamente gli obiettivi connessi alla scelta effettuata dalle stesse di fare parte del sistema regionale di IeFP potendo rendere disponibili agli studenti opportunità e misure finalizzate a contrastare la dispersione scolastica, promuovere il successo formativo e accompagnarli nelle scelte e nelle transizioni;

Valutato necessario intervenire su quanto disposto dalla proprie precedenti deliberazione nn. 1654/2011, 1580/2012, 1550/2013 e 1525/2015 rendendo disponibili le risorse già assegnate alle Autonomie scolastiche con i sopra citati atti per includere tra i destinatari delle azioni previste dalle medesime deliberazioni tutti gli studenti frequentanti nell'anno in corso il sistema di IeFP, al fine di:

  • massimizzare l’efficacia degli interventi e sostenere un uso efficace ed efficiente delle risorse già assegnate alle singole Istituzioni scolastiche;
  • non precludere ad alcun studente l'opportunità di essere accompagnato e sostenuto nel proprio percorso formativo;
  • attivare tutte le azioni così come condiviso in sede di “Conferenza Tecnica per il Coordinamento e Gestione Unitaria del Sistema Regionale di Istruzione e Formazione Professionale” per migliorare ed adeguare l’impianto programmatorio progettuale e finanziario dell’Azione regionale;

Visto il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” s.m.;

Richiamato il Dlgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

Richiamate inoltre le Leggi Regionali:

- n. 40/2001 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4" per quanto applicabile;

- n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" ss.mm.;

Viste le proprie deliberazioni:

- n. 1057/2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;

- n. 1663/2006 concernente "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";

- n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e ss.mm.;

- n. 1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettifica dalla deliberazione di G.R. n. 1950/2010;

- n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un servizio della direzione generale cultura, formazione e lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

- n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

- n. 2148 del 21/12/2015 "Rinnovo incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art.43 L.R. 43/2001 in scadenza al 31/12/2015";

- n. 72/2016 “Assunzione dei vincitori delle selezioni pubbliche per il conferimento di incarichi dirigenziali, ai sensi dell'art. 18 della l.r. 43/2001, presso la direzione generale cultura, formazione e lavoro”;

Dato atto del parere allegato; 

Su proposta dell’Assessore competente per materia; 

A voti unanimi e palesi 

delibera

per le ragioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

  1. di intervenire su quanto disposto dalle proprie deliberazioni nn. 1654/2011, 1580/2012 e 1550/2013 e 1525/2015 rendendo disponibili le risorse già assegnate alle Autonomie scolastiche con i sopra citati atti per includere tra i destinatari delle azioni previste dalle medesime deliberazioni tutti gli studenti frequentanti il sistema di IeFP nell'anno in corso, al fine di:
    • non precludere ad alcun studente l'opportunità di essere accompagnato e sostenuto nel proprio percorso formativo;
    • massimizzare l’efficacia degli interventi e sostenere un uso efficace ed efficiente delle risorse già assegnate alle singole Istituzioni scolastiche;
    • attivare tutte le azioni così come condiviso in sede di “Conferenza Tecnica per il Coordinamento e Gestione Unitaria del Sistema Regionale di Istruzione e Formazione Professionale” per migliorare ed adeguare l’impianto programmatorio progettuale e finanziario dell’Azione regionale;
  2. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it