E-R | BUR

n.65 del 27.04.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Presa d'atto dell'offerta formativa di Master universitari di primo livello per gli apprendisti in alta formazione ex art. 50 del DLgs 276/03 e art. 30 L.R. 17/05, di cui alla DGR 63/11 e approvazione delle modalità di assegnazione ed erogazione dei relativi assegni formativi (voucher)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il DLgs 10/9/2003, n. 276 “Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla L. 14 febbraio 2003, n. 30” e ss.mm., ed in particolare l’art. 50 “Apprendistato per l’acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione” che prevede che la regolamentazione e la durata dell’apprendistato per l’acquisizione di un titolo di studio di livello secondario o di titoli di studio universitari e della alta formazione é rimessa alle Regioni, per i soli profili che attengono alla formazione, in accordo con le associazioni territoriali dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro, le Università e le altre istituzioni formative;

- la L.R n. 12 del 30/6/2003 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e s.m., ed in particolare l’art. 14 “Assegni formativi” e l’art. 36 “Formazione degli apprendisti”;

- la L.R. n. 17 dell’1/8/2005, n. 17 ”Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del lavoro”, in particolare gli articoli 30 “Apprendistato per l’acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione” e 31 “Sostegno e qualificazione della formazione nei contratti di apprendistato”;

- l’Intesa tra Governo, Regioni, Province Autonome e Parti Sociali per il rilancio dell’Apprendistato del 27/10/2010;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- 1853/04 “Schema di Protocollo d’intesa tra il Ministero del Lavoro e Politiche sociali e la Regione Emilia-Romagna per la realizzazione di un percorso sperimentale in attuazione dell’art. 50, DLgs 10/9/2003, n. 276 “Apprendistato per l’acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione”, a seguito della quale è stato sottoscritto, in data 13/10/2004, il Protocollo d’Intesa tra Ministero del Lavoro - Ufficio Centrale per l’Orientamento e la Formazione professionale dei lavoratori e la Regione Emilia-Romagna, per la realizzazione di una prima sperimentazione per l’acquisizione in apprendistato di un diploma o per percorsi di alta formazione;

- 105/10 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 11/2/2008, n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta regionale 14/2/2005, n. 265” e s.m.;

- 62/11 “Destinazione risorse apprendistato di cui al decreto direttoriale del Ministero del Lavoro n. 376/2010/Cont/II”2010 del 10/11/2010.”;

- 63/11 “Approvazione modalità di acquisizione dell’offerta formativa di Master universitario di 1° livello in apprendistato in alta formazione ai sensi dell’art. 50 del DLgs 276/03 e ss.mm. e art. 30, L.R. 17/05”;

Richiamato altresì l’Accordo del 20/4/2005 tra Regione, Università e Parti Sociali, tuttora vigente, che individua e regolamenta il Diploma universitario di Master, quale titolo da conseguire attraverso il contratto di apprendistato in alta formazione; 

Dato atto che in attuazione della citata deliberazione 63/11:

- sono pervenute entro il termine indicato all’art. 4) dell’allegato della sopra citata delibera n. 63/2011 del 23 febbraio 2011, n. 4 proposte formative, la cui documentazione è conservata agli atti del Servizio Lavoro della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro;

- a seguito dell’Istruttoria formale di cui all’art. 5) dell’allegato della richiamata delibera 63/11, i cui esiti sono consultabili presso il Servizio Lavoro sopra citato:

  • sono risultate in possesso dei requisiti n. 2 proposte formative;
  • non sono risultate in possesso dei requisiti n. 2proposte formative;

come riportato nell’Allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente atto;

Preso atto che le proposte formative validate elencate nell’Allegato 1), costituiranno l’offerta formativa regionale per l’acquisizione del titolo universitario di Master di 1°livello in Alto apprendistato di cui all’art. 50, del DLgs 276/03 e ss.mm.;

Dato atto che con la propria deliberazione 62/10 sopra richiamata si prende atto tra l’altro che il decreto direttoriale del Ministero del Lavoro e P.S. n. 376/II/2010 dispone che una quota corrispondente al 20% delle risorse complessivamente assegnate sia destinata al finanziamento di tutte le attività formative, quali Master di I e II livello e i Dottorati di ricerca, destinate agli apprendisti assunti con il contratto di apprendistato in alta formazione di cui all’art. 50 del DLgs 276/03;

Ritenuto pertanto, che per il finanziamento degli assegni formativi da attribuire agli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 50 del DLgs 276/03 di cui alla presente deliberazione si provvederà con le risorse destinate dal decreto direttoriale n. 376/II/2010 di cui sopra e specificatamente con le risorse a carico del Capitolo di spesa 75658 “Assegnazione agli Enti delle Amministrazioni locali per interventi finalizzati all’obbligo di frequenza di attività formative (art. 68, L. 17 maggio 1999, n. 144; art. 1, DLgs 15 aprile 2005, n. 76) – Mezzi statali”, del Bilancio per l’esercizio 2011 che presenta la necessaria disponibilità;

Ritenuto infine di:

- approvare l’Allegato 1) “Offerta formativa di Master universitari di 1°livello in Apprendistato in Alta formazione ai sensi dell’art. 50 del DLgs 276/03 e ss.mm. e art. 30, L.R. 17/05” e l’Allegato 2) “Modalità di assegnazione ed erogazione degli assegni formativi (voucher) per la frequenza delle attività formative previste dal Master universitario di primo livello”, parti integranti e sostanziali del presente atto”;

- definire che:

  • l’assegno formativo (voucher) sarà assegnato a seguito frequenza di almeno l’80% della durata complessiva delle attività formative previste dal Master universitario di primo livello, sulla base delle modalità definite con il sopra citato Allegato 2);
  • le modalità gestionali sono regolate in base a quanto previsto dalle Disposizioni approvate con la deliberazione 105/10 e s.m.;
  • con successivi provvedimenti il Dirigente competente del Servizio Gestione e Controllo delle attività realizzate nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro provvederà all’assunzione dell’obbligazione contabile a carico del succitato capitolo di spesa, e alla liquidazione degli assegni formativi sulla base delle modalità sopra indicate;

Viste le Leggi regionali:

- 40/01 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- 43/01 “Testo Unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm;

- 14/10 “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del Bilancio pluriennale 2011-2013”;

- 15/10 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e Bilancio pluriennale 2011-2013”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- 1057/06 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;

- 1663/06 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;

- 2416/08 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07.” e ss.mm.;

- 1173/09 “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2009)”;

- 1377/10 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni generali”, così come rettificato con deliberazione 1950/10;

- 2060/10 “Rinnovo incarichi a Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi;

delibera:

Per le motivazioni espresse in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di prendere atto che:

- sono pervenute entro il termine indicato all’art. 4) dell’allegato della sopra citata delibera n. 63/2011 del 23 febbraio 2011, n. 4 proposte formative, la cui documentazione è conservata agli atti del Servizio Lavoro della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro;

- a seguito dell’Istruttoria formale di cui all’art. 5) dell’allegato della richiamata delibera 63/11, i cui esiti sono consultabili presso il Servizio Lavoro sopra citato: 

  • sono risultate in possesso dei requisiti n. 2 proposte formative;
  • non sono risultate in possesso dei requisiti n. 2 proposte formative;

come riportato nell’Allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente atto, che qui si approva;

2. di definire che le proposte formative validate di cui al precedente punto 1., costituiranno l’offerta formativa regionale per l’acquisizione del titolo universitario di Master di 1° livello in Alto apprendistato di cui all’art. 50 del DLgs 276/03 e ss.mm.;

3. di dare atto che:

- come specificato nelle premesse, una quota corrispondente al 20% delle risorse complessivamente assegnate dal decreto direttoriale n. 376/II/2010 del 10/11/2010 è destinata al finanziamento di tutte le attività formative, quali Master di I e II livello e i Dottorati di ricerca, destinate agli apprendisti assunti con il contratto di apprendistato in alta formazione di cui all’art. 50 del DLgs 276/03;

- per il finanziamento degli assegni formativi da attribuire agli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 50 del DLgs 276/03 di cui al presente atto si provvederà con le risorse destinate dal Decreto Direttoriale n. 376/II/2010 di cui al punto che precede e specificatamente con le risorse a carico del Capitolo di spesa 75658 “Assegnazione agli Enti delle Amministrazioni locali per interventi finalizzati all’obbligo di frequenza di attività formative (art. 68, L. 17 maggio 1999, n. 144; art. 1, DLgs 15 aprile 2005, n. 76) – Mezzi statali”, del Bilancio per l’esercizio 2011 che presenta la necessaria disponibilità;

4. di approvare l’Allegato 2)“Modalità di assegnazione ed erogazione degli assegni formativi (voucher) per la frequenza delle attività formative previste dal Master universitario di primo livello” parte integrante e sostanziale del presente atto”;

5. di definire che l’assegno formativo (voucher) sarà assegnato a seguito di frequenza di almeno l’80% della durata complessiva delle attività formative previste dal Master universitario di primo livello, sulla base delle modalità definite dall’Allegato 2), richiamato al punto 4. che precede;

6. di stabilire che le modalità gestionali sono regolate in base a quanto previsto dalle disposizioni approvate con la deliberazione 105/10 e s.m.;

7. di stabilire altresì che il Dirigente competente del Servizio Gestione e Controllo delle attività realizzate nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro provvederà con propri atti, anche con riferimento alla successiva offerta formativa validata con le modalità di cui al successivo punto 8.:

- ad assumere l’obbligazione contabile a carico del succitato capitolo di spesa;

- a liquidare gli assegni formativi (voucher) del valore di 6.000 Euro, sulla base delle modalità definite al precedente punto 4.;

8. di confermare che il Dirigente competente del Servizio Lavoro provvederà con propri atti alla presa d’atto dell’offerta formativa che perverrà successivamente alla data del 23 febbraio 2011;

9. di disporre la pubblicazione integrale sul presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it