E-R | BUR

n.113 del 20.05.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 24/2000 E Reg. (UE) N. 702/2014 - Contributi alle Organizzazioni di Produttori - Approvazione regime d'aiuto

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamata la Legge Regionale 7 aprile 2000, n. 24 "Disciplina delle organizzazioni di produttori e delle organizzazioni interprofessionali per i prodotti agroalimentari", modificata con Legge Regionale 9 maggio 2001 n. 14, che all'art. 4 prevede l'erogazione di contributi alle organizzazioni di produttori;

Rilevato che la suddetta legge era stata oggetto di esame favorevole di compatibilità da parte della Commissione Europea ai sensi degli articoli 92 e 93 del Trattato, con approvazione del regime n. 171/2000;

Richiamati altresì:

  • il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio;
  • il Regolamento (UE) n. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014 che dichiara compatibili con il mercato interno, in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, alcune categorie di aiuti nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e che abroga il regolamento della Commissione (CE) n. 1857/2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 1 luglio 2014 (L193);
  • gli Orientamenti dell'Unione europea per gli aiuti di Stato nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali 2014 - 2020 (2014/C 204/01), pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 1 luglio 2014;
  • la nota Ares(2014)3771916 del 13 novembre 2014 della Commissione Europea, con la quale si invitavano, tra l'altro, gli Stati membri a sospendere i regimi d'aiuto dopo la data del 31 dicembre 2014 e a notificarli nuovamente non appena possibile secondo le norme sopra richiamate;

Viste le proprie deliberazioni:

  • n. 2074 del 28 dicembre 2012 recante “Modifica alla delibera di Giunta n. 123/2011 recante - Nuove disposizioni applicative della Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 24 “Disciplina delle organizzazioni di produttori e delle organizzazioni interprofessionali per i prodotti agroalimentari” - Riapprovazione disposizioni applicative;
  • n. 1889 del 28 novembre 2014 avente ad oggetto “ L.R. 24/2000 - Deliberazione n. 2074/2012 - Sospensione criteri di concessione contributi alle organizzazioni di produttori e sospensione termini dei relativi procedimenti” con la quale sono stati sospesi i criteri applicativi per la concessione dei contributi previsti dalla L.R. n. 24/2000 e i relativi procedimenti, già avviati ai sensi della predetta deliberazione n. 2074/2012;

Atteso che nell'ambito dei trasferimenti statali relativi all'attuazione dell'art. 13 del D.Lgs. n. 173 del 30 aprile 1998 risultano ancora disponibili risorse stanziate nel bilancio regionale per interventi che possono essere destinati a finanziamenti a favore delle organizzazioni di produttori;

Ritenuto necessario approvare, in coerenza con quanto previsto dal Regolamento (UE) n. 702/2014, nuovi criteri per la concessione dei contributi previsti dall'art. 4 della L.R. n. 24/2000 e dall'art. 13 del D. Lgs. n. 173/1998, contenuti nell'allegato A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

Atteso che ai sensi dell'art. 9 del Regolamento (UE) n. 702/2014:

  • lo Stato membro comunica alla Commissione Europea - mediante il sistema di notifica elettronica ai sensi dell'articolo 3 del Regolamento (CE) n. 794/2004 - almeno 10 giorni lavorativi prima della sua entrata in vigore una sintesi del nuovo regime d'aiuto, nel formato standardizzato di cui all'allegato II del richiamato regolamento;
  • entro dieci giorni lavorativi dalla data di ricevimento della sintesi, la Commissione invia allo Stato membro una ricevuta con il numero di identificazione del regime d'aiuto;

Rilevato che per l'apertura dei termini di presentazione delle domande - per l'annualità 2015 - è pertanto opportuno attendere il decorso dei suddetti termini;

Considerato che la Commissione UE potrebbe, nel corso della procedura di comunicazione, ritenere che tale regime d'aiuto debba essere notificato e che le relative concessioni debbano essere adottate solo a seguito della registrazione del regime d'aiuto ovvero dalla comunicazione della conclusione della procedura di notifica;

Dato atto, peraltro, che è necessario approvare anche la nuova modulistica per la presentazione delle domande di contributo, recependo le eventuali osservazioni formulate dalla Commissione Europea;

Atteso che l'assetto del nuovo regime di aiuti, di cui all'allegato A, così come ridisegnato risulta significativamente diverso rispetto al precedente regime - disciplinato dalla deliberazione n. 2074/2012 - e che pertanto le domande già presentate ai sensi della richiamata deliberazione non possono essere utilizzate a fini istruttori, eccetto che per la documentazione allegata e ancora valida;

Considerato che il regime d'aiuto di cui all'Allegato A prevede l'elencazione di ambiti di attività, che possono necessitare di specificazioni e di aggiornamento in relazione all'evoluzione tecnica dei settori produttivi;

Ritenuto opportuno rinviare a successivo atto del Responsabile del Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato ed integrazione di filiera:

  • la fissazione dei termini per la presentazione delle domande di contributo per l'anno 2015;
  • l'approvazione della modulistica per la presentazione delle domande;
  • l'approvazione di specificazioni degli ambiti di attività e l'eventuale aggiornamento, in relazione all'evoluzione tecnica dei settori produttivi;

Ritenuto, inoltre, necessario disporre che il Responsabile del Servizi o Percorsi di qualità, relazioni di mercato ed integrazione di filiera provveda:

  • ad archiviare i procedimenti già attivati ai sensi della richiamata deliberazione n. 2074/2012 e sospesi con la deliberazione n. 1889/2014;
  • a pubblicare tutte le informazioni concernenti il regime d'aiuto, conformemente a quanto previsto dall'art. 9 e dall'Allegato III del Regolamento (UE) n. 702/2014 sulla pagina htpp://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/produzioni-agroalimentari/temi/miglioramento-della filiera/costituire-una-organizzazione-di-produttori-per-tutti-i-settori-escluso-lortofrutta;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modifiche, ed in particolare l'art. 37, comma 4;
  • la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007" e successive modifiche;
  • la propria deliberazione n. 1950 del 13 dicembre 2010, con le quali sono stati modificati l'assetto delle Direzioni Generali e del Gabinetto del Presidente, nonché l’assetto delle Direzioni Generali delle Attività produttive, commercio e turismo e dell’Agricoltura;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore all'Agricoltura, Caccia e Pesca, Simona Caselli

A voti unanimi e palesi

delibera:

1. di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono pertanto parte integrante e sostanziale del presente dispositivo;

2. di approvare i “ Criteri per la concessione dei contributi - previsti dall'art. 4 della L.R. n. 24/2000 e dall'art. 13 del D. Lgs. n. 173/1998 - alle organizzazioni di produttori, in attuazione del Regolamento (UE) n. 702/2014” di cui all'Allegato A), parte integrante e sostanziale del presente atto;

3. di rinviare a successivo atto del Responsabile del Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato ed integrazione di filiera la fissazione - per l'anno 2015 - dei termini di presentazione delle domande, l'approvazione della modulistica, nonché l'eventuale approvazione delle specificazioni degli ambiti di attività e il relativo aggiornamento, in relazione all'evoluzione tecnica dei settori produttivi;

4. di disporre che il Responsabile del Servizi o Percorsi di qualità, relazioni di mercato ed integrazione di filiera provveda:

  • ad archiviare i procedimenti già attivati ai sensi della richiamata deliberazione n. 2074/2012 e sospesi con la deliberazione n. 1889/2014;
  • a pubblicare tutte le informazioni concernenti il regime d'aiuto, conformemente a quanto previsto dall'art. 9 e dall'allegato III del Regolamento (UE) n. 702/2014 sulla pagina htpp://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/produzioni-agroalimentari/temi/miglioramento-della filiera/costituire-una-organizzazione-di-produttori-per-tutti-i-settori-escluso-lortofrutta;

5. di dare atto che la disciplina per la concessione dei contributi - contenuta nella deliberazione n. 2074/2012 - cessa di produrre effetti dalla data di adozione del presente atto, fatto salvo la sua applicazione per la conclusione delle attività istruttorie finalizzate alla liquidazione dei contributi, già concessi nelle annualità precedenti secondo le disposizioni in essa previste;

6. di dare, conseguentemente, atto che continua ad applicarsi la disciplina dei riconoscimenti delle organizzazioni di produttori, già fissata dalla deliberazione n. 2074/2012;

7. di trasmettere alla Commissione Europea, mediante il sistema di notifica elettronica ai sensi dell'art. 3 del Regolamento (CE) n. 794/2004, una sintesi degli aiuti disciplinati nell'allegato A) nel formato standardizzato di cui all'allegato II del Regolamento (UE) n. 702/2014;

8. di stabilire che i provvedimenti di concessione vengano adottati a seguito della pubblicazione del regime d'aiuto da parte della Commissione europea ovvero della conclusione della procedura di notifica;

9. di disporre infine che la presente deliberazione venga integralmente pubblicata nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it