E-R | BUR

n.36 del 21.02.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Sostituzione dell'Allegato A della delibera di Giunta regionale n. 1877/2017 avente ad oggetto "Avviso pubblico rivolto alle imprese operanti sul territorio dell'Emilia-Romagna finalizzato a favorire l'accesso al credito delle imprese per il tramite dei CONFIDI - L.R. 26/2016 art. 3" in subentro del precedente allegato alla medesima deliberazione n. 1877/2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il D.Lgs n. 118/2011 avente ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e successive modifiche ed integrazioni;

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40, per quanto applicabile;

- la L.R. 26 novembre 2001, n.43 e succ.mod.;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29/12/2008 recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007" e ss.mm. per quanto applicabile;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 468/2017;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 2189 del 21/12/2015 avente ad oggetto “Linee di indirizzo per la riorganizzazione della macchina amministrativa regionale”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 56 del 25/1/2016 avente ad oggetto “Affidamento degli incarichi di Direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. n. 43/2001”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 270 del 29/2/2016 avente ad oggetto “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 622 del 28/4/2016 avente ad oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- la determinazione del Direttore generale n. 7288 del 29/04/2016 avente ad oggetto “Assetto organizzativo della Direzione generale "Economia della conoscenza, del lavoro e dell'impresa" in attuazione della deliberazione di Giunta regionale n. 622/2016. Conferimento incarichi dirigenziali in scadenza al 30/4/2016”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 702 del 16/5/2016 avente ad oggetto “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto, e nomina dei Responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell'anagrafe per la stazione appaltante”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1107 dell'11/7/2016 avente ad oggetto “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera n. 2189/2015”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 975 del 3/7/2017 avente ad oggetto: “Aggiornamenti organizzativi nell’ambito della direzione generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa e della direzione generale Risorse, europa, innovazione e istituzioni”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 135 del 17/2/2017 avente ad oggetto “Avviso pubblico rivolto alle imprese operanti sul territorio dell’Emilia-Romagna finalizzato a favorire l’accesso al credito delle imprese per il tramite dei Confidi - L.R. 26/2016 art. 3” e succ. mod. in particolare la DGR n. 1877/2017;

Considerata in particolare la deliberazione della Giunta regionale n. 1877 del 29/11/2017 avente ad oggetto “Avviso pubblico rivolto alle imprese e ai professionisti operanti sul territorio dell’Emilia-Romagna finalizzato a favorire l’accesso al credito per il tramite dei Confidi - L.R. 26/2016 art. 3, parziale modificazione dei requisiti di partecipazione”, dove si è ritenuto che si possa anche concedere il contributo alle imprese:

- che abbiano sottoscritto la quota associativa al Confidi;

- per le quali vi sia già una delibera di accoglimento da parte del Consiglio di amministrazione del Confidi;

- che comunque versino la quota associativa entro sei mesi dalla concessione del contributo;

Constatato che:

- preliminare alla liquidazione è la verifica della situazione contributiva dell’Impresa, richiedendo al momento della liquidazione il relativo Durc come previsto per legge;

- per verificare la situazione contributiva dei liberi professionisti è necessario che il richiedente indichi la propria cassa di appartenenza con il relativo numero di iscrizione alla stessa nella domanda di partecipazione;

- per procedere alla liquidazione delle somme concesse è necessario che l’impresa compili l’apposito modello Regionale “Modulo per Persone Giuridiche Private /Ditte Individuali” che individua le modalità di pagamento del contributo;

Ritenuto necessario, verificato quanto sopra, modificare l’Allegato A della Delibera di Giunta Regionale n. 1877/2017 avente ad oggetto “Avviso pubblico rivolto alle imprese operanti sul territorio dell’Emilia-Romagna finalizzato a favorire l’accesso al credito delle imprese per il tramite dei Confidi - L.R. 26/2016 art. 3” agli articoli:

- articolo 4 “Soggetti Beneficiari”: alla lettera c) ove si richiede che tutte le imprese devono “possedere una situazione di regolarità contributiva per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL (si precisa che, dopo il ricevimento della domanda, la Regione provvederà direttamente all’acquisizione del Durc aggiornato dell’impresa, per la verifica della situazione contributiva)” si precisa che detti requisiti saranno verificati al momento della liquidazione della domanda e non alla sua presentazione;

- articolo 5 “Modalità e termini di partecipazione” e articolo 16 “ALLEGATI” della Delibera di Giunta Regionale n. 1877/2017 “Avviso pubblico rivolto alle imprese operanti sul territorio dell’Emilia-Romagna finalizzato a favorire l’accesso al credito delle imprese per il tramite dei Confidi - L.R. 26/2016 art. 3” dove va inserito anche il modello Regionale “Modulo per Persone Giuridiche Private /Ditte Individuali” che individua le modalità di pagamento del contributo;

Visto il D.Lgs n. 159/2011 avente ad oggetto “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13/8/2010, n. 136” ed in particolare l’art. 83, comma 3, lettera e), il quale stabilisce che la documentazione antimafia non è richiesta per i provvedimenti, gli atti, i contratti e le erogazioni il cui valore complessivo non supera i 150.000,00 euro;

Visti altresì il D.Lgs n. 218/2012 nonché il D.Lgs n. 153/2014, recanti disposizioni integrative e correttive al D.Lgs n. 159/2011;

Visto il Decreto Legislativo 14/03/2013, n. 33 recante “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e successive modifiche;

Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 89 del 30/01/2017 “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”, nonché la DGR n. 486/2017;

Viste:

- la L.136 del 2010 e la determinazione AVCP n. 4 del 7/7/2011;

- la L.R. n. 18 del 1 agosto 2017 “Disposizioni collegate alla legge di assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017 - 2019”;

- la L.R. n. 19 del 1 agosto 2017 “Assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017 - 2019”;

- la L.R. n. 25 del 27 dicembre 2017 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2018.”;

- la L.R. n. 26 del 27 dicembre 2017 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2018-2020 (legge di stabilità regionale 2018).”;

- la L.R. n. 27 del 27 dicembre 2017 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020.”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2191/2017 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020.”

- la deliberazione di Giunta regionale n. 477/2017 relativa al conferimento dell’incarico di Responsabile del Servizio Gestione della Spesa Regionale;

Vista la determinazione n. 12466/2016 di conferimento al Dott. Marco Borioni dell’incarico di Responsabile del Servizio "Sviluppo degli strumenti finanziari, regolazione e accreditamenti";

Dato atto che il Responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore alle attività produttive, piano energetico, economia, verde e ricostruzione post-sisma;

delibera: 

per le motivazioni e con le precisazioni in premessa descritte e che si intendono integralmente richiamate:

  1. di approvare la sostituzione dell’Allegato A della deliberazione di Giunta regionale n. 1877/2017 avente ad oggetto “Avviso pubblico rivolto alle imprese operanti sul territorio dell’Emilia-Romagna finalizzato a favorire l’accesso al credito delle imprese per il tramite dei Confidi - L.R. 26/2016 art. 3” in subentro del precedente Allegato alla medesima deliberazione n. 1877/2017;
  2. di pubblicare il presente avviso nel BURERT e sul sito http://imprese.regione-emilia-romagna.it/;
  3. di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it