E-R | BUR

n.308 del 03.10.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione delle operazioni per l'attuazione dell'azione di supporto al Sistema regionale di IEFP da parte degli enti di formazione a.s 2018/2019 in attuazione della D.G.R n. 1270/2018

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

Richiamate in particolare:

- la Deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 163 del 25 giugno 2014 “Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna. Fondo Sociale Europeo 2014/2020. (Proposta della Giunta regionale del 28/4/2014, n. 559)”;

- la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 12 dicembre 2014 C(2014)9750 che approva il Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014/2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1 del 12 gennaio 2015 “Presa d'atto della Decisione di Esecuzione della Commissione Europea di Approvazione del Programma Operativo "Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo Sociale Europeo nell'ambito dell'Obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";

- la Decisione di Esecuzione della Commissione del 2/5/2018 che modifica la decisione di esecuzione C(2018) 9750 che approva determinati elementi del programma operativo "Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione

Viste:

- la Legge regionale 30 giugno 2003, n. 12 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e ss.mm.ii;

- la Legge regionale 30 giugno 2011, n.5 “Disciplina del sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale” e s.m.i;

Richiamate le deliberazioni dell’Assemblea Legislativa:

- n. 54 del 22/12/2015 “Programmazione triennale in materia di offerta di percorsi di istruzione e formazione professionale AA.SS. 2016/17, 2017/18 e 2018/19 (Proposta della Giunta regionale in data 12 novembre 2015, n. 1709);

- n. 75 del 21/6/2016 "Programma triennale delle politiche formative e per il lavoro – (Proposta della Giunta regionale in data 12 maggio 2016, n. 646)”;

Viste le deliberazioni di Giunta regionale:

- n. 2047/2017 “Approvazione dell'offerta formativa di IeFP regionale per l'a.s. 2018/2019 da parte degli enti di formazione professionale di cui alla DGR 178/2016”;

- n. 985/2018 “Offerta del sistema regionale di istruzione e formazione professionale per il conseguimento della qualifica professionale presso gli enti di formazione professionale accreditati da avviare nell'a.s. 2018/2019 – Approvazione dell'elenco delle operazioni. Quantificazione budget. PO FSE 2014-2020”;

Richiamate inoltre le deliberazioni di Giunta regionale:

- n. 928 del 27/6/2011 “Azione Regionale IeFp: Approvazione dei soggetti attuatori e delle modalità di gestione, in attuazione della DGR n. 533/2011” e s.m.i.;

- n. 1298 del 14/9/2015 “Disposizioni per la programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro - Programmazione SIE 2014-2020”;

Vista in particolare la deliberazione di Giunta regionale n. 1270 del 30/7/2018 “Integrazione del "Piano triennale 2016/2018 dell'azione di supporto al Sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale- IeFP" di cui alla deliberazione di Giunta regionale n.1742/2016. Invito agli Enti a presentare la candidatura per la realizzazione dell'azione di supporto al Sistema regionale di IeFP a.s. 2018/2019” che ha stabilito di:

- integrare il “Piano triennale 2016/2018 dell’azione di supporto al Sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale - IeFP”, di cui all’allegato 1) della deliberazione di Giunta regionale n. 1742/2016, prevedendo con riferimento alla lettera c) Sostenere gli strumenti e i dispositivi volti all’acquisizione della qualifica professionale del paragrafo 3) “Obiettivi specifici e misure di intervento” nell’ambito dei “Progetti formativi personalizzati triennali” una modalità aggiuntiva e sperimentale di realizzazione;

- invitare il R.T.I. avente quale mandatario l’Associazione Emiliano-Romagnola di centri autonomi di formazione professionale A.E.C.A di Bologna (cod. org. 11), costituito in data 27/9/2016, con atto Rep. n. 11555 raccolta n. 2874, registrato il 28/9/2016 al n. 17135 serie IT all'Agenzia delle Entrate -Ufficio territoriale di Bologna, a presentare la candidatura per la realizzazione dell’azione di supporto al sistema regionale di IeFP per l’a.s. 2018/2019, costituita da n. 2 operazioni contenenti i progetti riferiti alle singole azioni, comprensivi della quantificazione delle ore e dei destinatari delle attività come previsto dall’allegato A), parte integrante e sostanziale della deliberazione di Giunta regionale n.1270/2018;

- prevedere che i "percorsi personalizzati triennali" siano progettati e realizzati ricorrendo a due modalità formative diversificate:

  • la prima orientata a rafforzare e qualificare ulteriormente quanto fino ad ora attuato, ovvero la programmazione e realizzazione di opportunità formative per gli allievi iscritti con percorso personalizzato triennale, attraverso interventi di riallineamento nell'ambito delle annualità del biennio IeFP e con azioni successive alla conclusione del biennio per completare la triennalità del percorso;
  • la seconda, da attivare in via aggiuntiva e sperimentale, prevede la possibilità di realizzare un primo anno personalizzato quale percorso propedeutico all'inserimento nel secondo e terzo anno del sistema di IeFP;

- quantificare le risorse necessarie per la realizzazione dell’azione di supporto al Sistema regionale di IeFP a.s. 2018/2019 in complessivi Euro 4.150.000,00 a valere sulle risorse nazionali di cui alla Legge 144/1999 come di seguito specificato:

  • Euro 3.700.000,00 le risorse nazionali, di cui alla Legge n. 144/99, riferita all'operazione 1;
  • Euro 450.000,00 le risorse nazionali, di cui alla Legge n. 144/99, riferita all'operazione 2;

- le modalità e i termini di presentazione delle operazioni;

Dato atto che con la sopracitata deliberazione n. 1270/2018 si è stabilito che:

- il Responsabile del Servizio “Programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza” provveda con proprio successivo atto, entro 30 giorni dalla scadenza per la presentazione, all’approvazione dell’azione di supporto al Sistema regionale di IeFP per l’a.s. 2018/2019, costituita da n. 2 operazioni, presentate nei termini e con le modalità specificate nella medesima deliberazione, previa verifica formale di completezza e coerenza del progetto unitario con quanto previsto nella stessa;

- il Responsabile del Servizio “Attuazione degli interventi e delle politiche per l'istruzione, la formazione e il lavoro” provveda con propri successivi atti al finanziamento dell’azione di supporto al sistema regionale di IeFP per l’a.s. 2018/2019, costituita da n. 2 operazioni, previa acquisizione:

  • dell'atto di impegno di cui alla propria deliberazione n.1298/2015, da parte del soggetto titolare dell'operazione, in qualità di capogruppo mandatario, comprensiva della dichiarazione resa ai sensi degli artt. 46 e n. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, nè ha presentato domanda di concordato, ne' infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;
  • della dichiarazione, resa ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e ss.mm., da parte dei soggetti beneficiari, in qualità di mandanti, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, né ha presentato domanda di concordato, né infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;
  • del regolamento interno che disciplina la suddivisione delle attività e del finanziamento fra i singoli componenti facenti parte del RTI e del cronoprogramma delle attività con il riparto tra le varie annualità del finanziamento approvato, ai fini di una corretta imputazione della spesa;
  • della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali; 

- si è rinviato all’Allegato A), parte integrante e sostanziale della stessa, in cui sono stati definiti:

  • le modalità realizzative;
  • l’arco temporale di riferimento delle azioni attuative prevendendo che siano riferite all’anno scolastico e che pertanto i singoli interventi siano rivolti a tutti gli studenti iscritti nell’A.S. alle classi I, II e III o iscritti ai percorsi personalizzati;
  • le attività che potranno essere realizzate, tenuto conto del calendario scolastico, nei due anni solari di riferimento con una incidenza delle attività pari rispettivamente al 40% e al 60%;

Dato atto che sono pervenuti, nei termini e con le modalità previste dalla sopra citata deliberazione n.1270/2018, da parte di Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A di Bologna (cod. org. 11) in qualità di capogruppo mandataria del sopra richiamato R.T.I:

  • la richiesta di finanziamento, completa degli allegati nella stessa richiamati, per un importo complessivo di Euro 4.150.000,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;
  • l’operazione contraddistinta dal Rif. P.A. n. 2018-10455/RER, finalizzata a rafforzare e qualificare ulteriormente quanto fino ad ora attuato nell’ambito del progetto azione regionale, ovvero la programmazione e realizzazione di opportunità per tutti gli allievi iscritti a tutte le annualità dei percorsi biennali IeFP con prioritaria attenzione a rendere disponibili i percorsi personalizzati triennali che si realizzano come percorsi di riallineamento tra una annualità e l’altra del biennio IeFP per un importo di Euro 3.700.000,00;
  • l’operazione contraddistinta dal Rif. P.A. n. 2018-10456/RER, finalizzata a realizzare un primo anno personalizzato che si caratterizzi come percorso propedeutico all’inserimento nei percorsi di secondo e terzo anno per un importo di Euro 450.000,00;

Dato atto che dalla verifica formale effettuata dal Servizio “Programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza” entrambe le operazioni sono risultate complete e coerenti con quanto previsto dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1270/2018;

Ritenuto pertanto di procedere, con il presente atto, all'approvazione dell’azione di supporto al Sistema regionale di IeFP a.s. 2018/2019, costituita dalle suddette n. 2 operazioni, per un importo complessivo di Euro 4.150.000,00 e un finanziamento pubblico di pari importo, risorse L. 144/99, come da allegato 1) parte integrante e sostanziale al presente provvedimento, dando atto che tali operazioni potranno essere finanziate in overbooking a valere sulle risorse di cui al Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014/2020;

Attesoche sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale alle operazioni oggetto del presente provvedimento i codici C.U.P. (codice unico di progetto) come riportati nell’allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

Viste:

- la legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l’art. 11;

- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ.mod.;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art.3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

Visti inoltre:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 "Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni" e ss.mm;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 93 del 29 gennaio 2018 "Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione. Aggiornamento 2018 - 2020" ed in particolare l'allegato B) "Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020";

Richiamato il D.Lgs. n. 118/2011 ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 Maggio 2009 n.42” e ss.mm.ii.”;

Richiamate altresì le Leggi regionali:

- n. 40/2001 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n.4" per quanto applicabile;

- n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii.;

- n. 25/2017 "Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2018";

- n. 26/2017 "Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2018-2020 (legge di stabilità regionale 2018)";

- n. 27/2017 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020";

- n. 11/2018 “Disposizioni collegate alla Legge di assestamento e prima Variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018 – 2020”;

- n. 12/2018 “Assestamento e prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020”;

Richiamata altresì la deliberazione n. 2191/2017 recante "Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020" e s.m.;

Viste le deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416/2008 concernente “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm. per quanto applicabile;

- n. 56/2016 concernente “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta Regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001;

- n. 270/2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015;

- n. 622/2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015;

- n. 1107/2016 “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell’implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 468/2017 recante “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia – Romagna”;

- n. 87/2017 "Assunzione dei vincitori delle selezioni pubbliche per il conferimento di incarichi dirigenziali, ai sensi dell'art. 18 della L.R. 43/2001, presso la Direzione Generale economia della conoscenza, del lavoro e dell'impresa";

- n. 1059/2018 "Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell'ambito delle Direzioni generali, Agenzie e Istituti e nomina del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT), del Responsabile dell'Anagrafe per la Stazione Appaltante (RASA) e del Responsabile della Protezione dei Dati (DPO)";

Richiamate le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Richiamata la determinazione dirigenziale n. 1174/2017 "Conferimento di incarichi dirigenziali presso la Direzione Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell'Impresa”;

Attestato che il sottoscritto dirigente, responsabile del procedimento, non si trova in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto;

determina 

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

1. di dare atto che sono pervenuti, nei termini e modalità previsti dalla sopra citata deliberazione di Giunta regionale n.1270/2018, da parte di Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A di Bologna (cod. org. 11) in qualità di capogruppo mandataria del R.T.I costituito in data 27/09/2016, con atto Rep. n. 11555 raccolta n. 2874, registrato il 28/09/2016 al n. 17135 serie IT all'Agenzia delle Entrate - Ufficio Territoriale di Bologna:

  • il progetto per la realizzazione dell’azione di supporto al Sistema regionale di IeFP per l’a.s 2018/2019 costituito da n. 2 operazioni contraddistinte dal Rif. P.A. n. 2018-10455/RER, per un importo pari ad Euro 3.700.000,00 e dal Rif. P.A. n. 2018
-10456/RER per un importo pari ad Euro 450.000,00; 
  • la richiesta di finanziamento, completa degli allegati nella stessa richiamati, per un importo complessivo di Euro 4.150.000,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;

2. di approvare l’azione di supporto al Sistema regionale di IeFP per l’a.s. 2018/2019, costituita da n. 2 operazioni di cui al punto 1) che precede, che risulta completa e coerente con quanto previsto dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1270/2018 e si attiene alle modalità attuative di cui all’allegato A), parte integrante e sostanziale della medesima deliberazione, per l’importo complessivo di Euro 4.150.000,00 e un finanziamento pubblico di pari importo, risorse L. 144/99, come da allegato 1), parte integrante e sostanziale al presente provvedimento, dando atto che tali operazioni potranno essere finanziate in overbooking a valere sulle risorse di cui al Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014/2020;

3. di dare atto che sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale alle operazioni oggetto del presente provvedimento i codici C.U.P. (codice unico di progetto) come riportati nell’allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

4. di dare atto che le modalità gestionali sono regolate in base a quanto previsto dalle disposizioni approvate con la deliberazione di Giunta regionale n. 1298/2015 nonché da quanto previsto dalla deliberazione di Giunta regionale n. 928/2011 e s.m.i, come previsto nella sopra richiamata deliberazione di Giunta regionale n. 1270/2018;

5. di dare atto inoltre che, al finanziamento provvederà il Responsabile del Servizio “Attuazione degli interventi e delle politiche per l'istruzione, la formazione e il lavoro” come previsto nella sopra citata deliberazione di Giunta regionale n. 1270/2018, previa acquisizione:

  • dell'atto di impegno di cui alla propria deliberazione n.1298/2015, da parte del soggetto titolare dell'operazione, in qualità di capogruppo mandatario, comprensiva della dichiarazione resa ai sensi degli Art.46 e n. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, nè ha presentato domanda di concordato, nè infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;
  • della dichiarazione, resa ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e ss.mm., da parte dei soggetti beneficiari, in qualità di mandanti, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, né ha presentato domanda di concordato, né infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;
  • del regolamento interno che disciplina la suddivisione delle attività e del finanziamento fra i singoli componenti facenti parte del RTI e del cronoprogramma delle attività con il riparto tra le varie annualità del finanziamento approvato, ai fini di una corretta imputazione della spesa;
  • della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

6. di dare atto che le attività dovranno essere attivate non prima della data di pubblicazione dell’atto di finanziamento sul sito web istituzionale nella sezione “Amministrazione Trasparente” come previsto nella già sopra citata deliberazione di Giunta regionale n. 1270/2018;

7. di dare atto altresì che come previsto nel dispositivo della delibera di Giunta regionale n. 1270/2018:

  • l’attività dovrà essere realizzata in misura del 40% nel primo anno solare e del 60% nel secondo anno solare;
  • che ogni variazione - di natura non finanziaria - rispetto agli elementi caratteristici dell'operazione approvata deve essere motivata e anticipatamente richiesta, ai fini della necessaria autorizzazione, al Servizio “Programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza”, pena la non riconoscibilità della spesa, e potrà essere autorizzata con propria nota;
  • che il soggetto mandatario del RTI è il responsabile dell’organizzazione dell’attività da realizzare e pertanto nel coordinamento delle attività realizzate da ciascun componente presidia e garantisce il rispetto delle quote dell’operazione complessiva da effettuare nella singola specifica annualità;
  • che il Responsabile del Servizio “Attuazione degli interventi e delle politiche per l'istruzione” potrà autorizzare con proprio successivo provvedimento, sentito il Responsabile del Servizio "Programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza”, cambiamenti comportanti una diversa ripartizione all'interno del RTI stesso, di eventuali variazioni nella distribuzione delle attività e delle quote di spettanza precedentemente definite;

8. di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

9. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

La Responsabile del Servizio

Francesca Bergamini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it