E-R | BUR

n.94 del 10.04.2013 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Bando amianto 2009. Revoca del contributo concesso all'impresa "LAMM S.P.A." - Parma con D.G.R. n. 1207/2011 per il progetto n. 86 e del contributo concesso alla Ditta "Soc. Coop. Stalla Sociale Rinascita" - Reggio Emilia con D.G.R. 892/2012 per il progetto n. 120

IL RESPONSABILE

Viste:

  • la Legge regionale n. 43 del 26 novembre 2001 “Testo unico in materia di organizzazione e rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche, in particolare l’art. 39 “Funzione dei dirigenti” e ss.mm.;
  • la Legge regionale n. 40 del 15 novembre 2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna”, con particolare riferimento all’art. 50 “Cancellazione degli impegni di spesa”;
  • la deliberazione di Giunta regionale n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007 e ss.mm.”;

Premesso che:

  • con deliberazione di Giunta regionale n. 1439 del 29 settembre 2009 è stato approvato il “Bando Eco-Incentivi per la rimozione e lo smaltimento di manufatti contenenti amianto in matrice cementizia e/o resinosa”;
  • ai sensi del punto 8.2 del Bando citato, il Responsabile del Servizio competente, con determinazione n. 11664 del 9 novembre 2009, ha provveduto a formulare una graduatoria provvisoria delle prenotazioni on-line pervenute sino alla concorrenza del plafond disponibile pari a €. 4.100.000,00;
  • le Ditte ricomprese in tale graduatoria provvisoria sono state invitate a presentare la domanda cartacea e la relativa documentazione così come previsto al punto 8.2 del citato Bando;
  • con deliberazione di Giunta regionale n. 707 del 31 maggio 2010, a conclusione dell'istruttoria, è stato approvato l’elenco dei progetti finanziati, allegato A parte integrante della delibera;
  • con propria determinazione n. 2392 del 9 marzo 2010, come previsto dal citato Bando, è stata approvata la graduatoria definitiva delle prenotazioni on-line formulata in base all’ordine cronologico di arrivo delle prenotazioni;

Premesso altresì che a seguito del reperimento di ulteriori risorse finanziarie si è provveduto al parziale scorrimento della graduatoria delle prenotazioni on-line, approvando:

  • con deliberazione di Giunta regionale n. 1207 del 4 agosto 2011, un primo elenco di beneficiari (dalla posizione n. 86 alla n. 110) e imputando la spesa complessiva di €. 494.782,25 al n. 2391 di impegno sul Capitolo 37383 “Interventi per l’attuazione del Piano di Azione Ambientale per un Futuro Sostenibile: Contributi ad imprese per la realizzazione di opere ed interventi di risanamento ambientale (artt. 70, 74, 81, e 84, D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 e art. 99, L.R. 21 aprile 1999, n. 3) - Mezzi statali” di cui all’UPB 1.4.2.3. 14225 del bilancio per l’esercizio finanziario 2011;
  • con successiva deliberazione di Giunta regionale n. 892 del 2 luglio 2012, un secondo elenco di beneficiari (dalla posizione n. 111 alla n. 125) e imputando la spesa complessiva di €. 249.183,84 al n. 2127 di impegno sul Capitolo 37383 “Interventi per l’attuazione Piano di Azione Ambientale per un Futuro Sostenibile: Contributi ad imprese per la realizzazione di opere ed interventi di risanamento ambientale (artt. 70, 74, 81, e 84, D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 e art. 99, L.R. 21 aprile 1999, n. 3) - Mezzi statali” di cui all’UPB 1.4.2.3. 14225 del bilancio per l’esercizio finanziario 2012;

Preso atto che:

  • con la citata deliberazione di Giunta regionale n. 1207/2011, è stato inserito nell’elenco dei beneficiari il progetto presentato dalla Ditta “LAMM S.p.A.” con sede legale in San Secondo Parmense (PR), numero di codice identificativo unico 86 (CUP E61H11000440008), per il quale è stato concesso un contributo di €. 46.777,50 (45% di €. 103.950,00);
  • con la citata deliberazione di Giunta regionale n. 892/2012 è stato inserito nell’elenco dei beneficiari il progetto presentato dalla Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” con sede legale in Montecchio Emilia (RE), numero di codice identificativo unico 120 (CUP E21H12000000008), per il quale è stato concesso un contributo di €. 20.727,00 (45% di €. 46.060,00);

Preso atto che:

  • la Ditta “LAMM S.p.A.” - Parma ha indicato nella domanda di contributo (conservata agli atti con ns. Prot. n. PG.2011.0099608 del 20 aprile 2011) il 31 luglio 2012 quale data prevista per l’ultimazione dell’intervento;
  • la Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” – Reggio Emilia ha indicato nella domanda di contributo (conservata agli atti con ns. Prot. n. PG.2011.0253764 del 19 ottobre 2011) il 30 aprile 2012 quale data prevista per l’ultimazione dei lavori;

Considerato che la Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” – Reggio Emilia ha chiesto con nota del 28 agosto 2012 (conservata agli atti con ns. Prot. n. PG.2012.0204329 del 29 agosto 2012) una proroga al termine del progetto e che detta richiesta è stata accolta con propria determinazione dirigenziale n. 11744 del 17 settembre 2012 fissando al 13 gennaio 2013 il nuovo termine ultimo per la conclusione del progetto;

Considerato altresì che:

  • con nota ns. Prot. n. PG.2012.0227157 del 27 settembre 2012 è stata data comunicazione alla citata Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” - Reggio Emilia dell’accoglimento della richiesta di proroga e del nuovo termine ultimo per la conclusione del progetto;
  • con l’avvicinarsi della data del 13 gennaio 2013 è stata inviata alla Ditta un’ulteriore comunicazione (nota ns. Prot. n. PG.2012.0292581 del 12 dicembre 2012) per ricordare la scadenza del termine e ribadire, ai sensi delle disposizioni del Bando, la sua improrogabilità ai fini del riconoscimento del contributo;
  • con propria nota del 10 gennaio 2013 acquisita con ns. Prot. n. PG.2013.0006944 del 10 gennaio 2013 la Ditta ha chiesto un’ulteriore proroga di 6 mesi al termine dei lavori rispetto alla data concordata del 13 gennaio 2013;

Richiamati:

  • il punto 13) del Bando e il punto 3 del Vademecum per la gestione, rendicontazione e monitoraggio dei progetti finanziati “Tempi di realizzazione e proroghe”;
  • il punto 15) del Bando “Revoca dei contributi” dove si prevede che “il contributo regionale è revocato, previa comunicazione dell’avvio del relativo procedimento, con recupero delle quote eventualmente già erogate, qualora il soggetto beneficiario non abbia realizzato completamente l’intervento ammesso a contributo nei termini previsti, fatte salve le proroghe eventualmente concesse dalla Regione Emilia-Romagna…”;

Valutato che l’ulteriore proroga richiesta dalla Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” - Reggio Emilia, inviata per posta certificata il 10 gennaio 2013 e conservata agli atti con ns. Prot. n. PG.2013.0006944 del 10 gennaio 2013, non possa essere accolta ai sensi dei sopra richiamati punti del Bando;

Verificato che non è pervenuta da parte della Ditta “LAMM S.p.A.” con sede legale in San Secondo Parmense (PR) nessuna richiesta di proroga, nè altre comunicazioni o documenti atti ad attestare l’avvenuta realizzazione del progetto;

Dato atto che, in considerazione di quanto sopra, si è provveduto ad avviare la procedura di revoca del finanziamento, dandone comunicazione:

  • con nota ns. Prot. n. PG.2013.0019918 del 24 gennaio 2013 quanto alla Ditta “LAMM S.p.A.” - Parma;
  • con nota ns. Prot. n. PG.2013.0020047 del 24 gennaio 2013 quanto alla “Ditta Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” - Reggio Emilia;

e fissando in giorni venti, a far data dal ricevimento delle comunicazioni medesime, il termine per la presentazione di memorie, documenti ed opposizioni scritte, come disposto dalla L.R. n. 32/93;

Accertato che non sono pervenute memorie e controdeduzioni all’avvio della procedura di revoca da parte delle Ditte nei venti giorni previsti;

Dato atto che non sono stati erogati acconti per i contributi oggetto del presente provvedimento;

Ritenuto pertanto necessario procedere alla revoca:

  • del contributo di €. 46.777,50 (45% di €. 103.950,00) concesso con delibera di Giunta regionale n. 1207/2011 alla Ditta “LAMM S.p.A.” con sede legale in San Secondo Parmense (PR) per la realizzazione del progetto con codice identificativo unico 86 (CUP E61H11000440008);
  • del contributo di €. 20.727,00 (45% di €. 46.060,00) concesso con delibera di Giunta regionale n. 892/2012 alla Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” con sede legale in Montecchio Emilia (RE) per la realizzazione del progetto con codice identificativo unico 120 (CUP E21H12000000008);

causa il mancato rispetto dei termini indicati per l’esecuzione dei progetti presentati;

Viste:

  • la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136” e successive modifiche;
  • il D.L. 22 giugno 2012, n. 83 “Misure urgenti per la crescita del Paese (G.U.R.I. del 26 giugno 2012, n. 147) convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134 (G.U.R.I. dell’11 agosto 2012, n. 187), in particolare l’art. 18 “Amministrazione aperta”;
  • la deliberazione della Giunta regionale n. 2056 del 28 dicembre 2012 avente per oggetto: “Adempimenti necessari per l’applicazione dell’art. 18 del D.L. n. 83 del 22 giugno 2012 (Misure urgenti per la crescita del Paese), convertito in Legge n. 134 del 7 agosto 2012”;

Viste le deliberazioni della Giunta regionale n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1663 del 27 novembre 2006 e n. 1222 del 4 agosto 2011;

Dato atto del parere allegato;

determina:

1) di revocare, per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono richiamate:

  • il contributo di €. 46.777,50 (45% di €. 103.950,00) concesso con delibera di Giunta regionale n. 1207/2011 alla Ditta “LAMM S.p.A.” con sede legale in San Secondo Parmense (PR) per la realizzazione del progetto con codice identificativo unico 86 (CUP E61H11000440008);
  • il contributo €. 20.727,00 (45% di €. 46.060,00) concesso con delibera di Giunta regionale n. 892/2012 alla Ditta “Cooperativa Agricola Stalla Sociale Rinascita” con sede legale in Montecchio Emilia (RE) per la realizzazione del progetto con codice identificativo unico 120 (CUP E21H12000000008);

2) di accertare, per effetto delle revoche disposte al punto precedente:

  • un’economia di spesa di €. 46.777,50 registrata al n. 2391 di impegno sul Capitolo 37383 “Interventi per l’attuazione del Piano di Azione Ambientale per un Futuro Sostenibile: Contributi ad imprese per la realizzazione di opere ed interventi di risanamento ambientale (artt. 70, 74, 81, e 84, D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 e art. 99, L.R. 21 aprile 1999, n. 3) - Mezzi statali” di cui all’UPB 1.4.2.3. 14225 del bilancio per l’esercizio finanziario 2011;
  • un’economia di spesa di €. 20.727,00 registrata al n. 2127 di impegno sul Capitolo 37383 “Interventi per l’attuazione Piano di Azione Ambientale per un Futuro Sostenibile: Contributi ad imprese per la realizzazione di opere ed interventi di risanamento ambientale (artt. 70, 74, 81, e 84, D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 e art. 99, L.R. 21 aprile 1999, n. 3) - Mezzi statali” di cui all’UPB 1.4.2.3. 14225 del bilancio per l’esercizio finanziario 2012;

3) di stralciare dall’elenco dei residui passivi del corrente esercizio le somme di:

  • €. 46.777,50 (impegno n. 2391, Capitolo 37383, esercizio finanziario 2011),
  • €. 20.727,00 (impegno n. 2127, Capitolo 37383, esercizio finanziario 2012),

quali economie accertate come sopra specificato;

4) di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

5) di dare atto che contro il presente provvedimento è possibile presentare ricorso davanti al giudice ordinario;

6) di dare atto che, secondo quanto previsto dall’art. 18 del D.L. n. 83/2012, convertito con modificazioni dalla Legge n. 134/2012 nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella deliberazione della Giunta regionale n. 2056/2012, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it