E-R | BUR

n.387 del 27.11.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Reg. (UE) n. 1305/2013 - PSR 2014/2020 - Bando unico regionale di attuazione del tipo di operazione 5.1.01 "Investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze delle calamità naturali, avversità climatiche - prevenzione danni da fenomeni franosi al potenziale produttivo agricolo - anno 2018" di cui alla deliberazione di G.R. n. 1870/2018 - Rettifica graduatoria unica regionale di cui alla D.D. n. 19670/2019

LA DIRIGENTE FIRMATARIA

Richiamati:

- il Regolamento (UE) n. 1303 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;

- il Regolamento (UE) n. 1305 del 17 dicembre 2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;

- il Regolamento (UE) n.1306 del 17 dicembre 2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/1978, (CE) n. 165/1994, (CE) n. 2799/1998, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n. 485/2008;

- il Regolamento delegato (UE) n. 640 dell’11 marzo 2014 della Commissione che integra il regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il sistema integrato di gestione e di controllo e le condizioni per il rifiuto o la revoca di pagamenti nonché le sanzioni amministrative applicabili ai pagamenti diretti, al sostegno allo sviluppo rurale e alla condizionalità;

- il Regolamento delegato (UE) n. 807 dell’11 marzo 2014 della Commissione che integra talune disposizioni del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che introduce disposizioni transitorie;

- il Regolamento di esecuzione (UE) n. 808 del 17 luglio 2014 della Commissione recante modalità di applicazione del Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

- il Regolamento di esecuzione (UE) n. 809 del 17 luglio 2014 della Commissione recante modalità di applicazione del Regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il sistema integrato di gestione e di controllo, le misure di sviluppo rurale e la condizionalità;

- il Regolamento (UE) n. 2393 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 dicembre 2017 che modifica, tra gli altri, i regolamenti (UE) n. 1305/2013 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), (UE) n. 1306/2013 sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune;

Visto il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2014-2020 – Versione 8.2 – attuativo del citato Regolamento (UE) n. 1305 del 17 dicembre 2013, nella formulazione approvata dalla Commissione europea con Decisione C(2018) 8506 final del 5 dicembre 2018, di cui si è preso atto con deliberazione di Giunta regionale n. 2138 del 10 dicembre 2018;

Richiamate:

- la L.R. 30 maggio 1997, n. 15 e successive modifiche recante norme per l’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura;

- la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna, formalmente riconosciuta quale Organismo pagatore regionale per le Misure dei Programmi di Sviluppo Rurale con Decreto del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del 13 novembre 2001;

- la L.R. 30 luglio 2015, n. 13 recante “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città Metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni”;

Vista la deliberazione n. 1870 in data 5 novembre 2018, recante “REG. (UE) n. 1305/2013 - PSR 2014/2020 - Approvazione bando unico regionale di attuazione del tipo di Operazione 5.1.01 “Investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze delle calamità naturali, avversità climatiche – Prevenzione danni da fenomeni franosi al potenziale produttivo agricolo” - Anno 2018” ed in particolare l’Allegato parte integrante e sostanziale;

Viste, altresì, le determinazioni del Direttore Generale Agricoltura n. 2529 del 12 febbraio 2019 e n. 13036 del 16 luglio 2019 con le quali sono stati aggiornati i termini procedimentali;

Richiamata, infine, la propria determinazione n. 19670 del 29 ottobre 2019, con la quale è stata approvata la graduatoria generale di merito in esito al sopracitato bando unico regionale 2018;

Preso atto che:

- il Servizio Agricoltura, Caccia e Pesca di Piacenza, con determinazione n. 19949 del 4 novembre 2019, ha provveduto a rettificare l’elenco precedentemente inviato ai fini della redazione della graduatoria unica regionale relativamente ad un mero errore materiale riscontrato, ed in particolare con riferimento all’istanza n. 5110817 collocata in posizione n. 28 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta CONSORZIO DI BONIFICA DI PIACENZA, CUAA 91096830335 - per la quale l’importo corretto del contributo concedibile risulta essere pari ad Euro 111.655,08, anziché ad Euro 11.655,08 quale precedentemente indicato;

- il Servizio Agricoltura, Caccia e Pesca di Rimini con determinazione n. 20056 del 5 novembre 2019 ha provveduto a rettificare l’elenco precedentemente inviato ai fini della redazione della graduatoria unica regionale relativamente a meri errori materiali riscontrati, ed in particolare:

- con riferimento all’istanza n. 5112290 collocata in posizione n. 20 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta SERIPA PIERPAOLO, CUAA SRPPPL73T15F137E - per la quale l’importo corretto della spesa ammissibile risulta essere pari ad Euro 150.000 anziché ad Euro 166.212,33, quale precedentemente indicato;

- con riferimento all’istanza n. 5112571 collocata in posizione n. 158 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta TOMASSONI PIER CARLO, CUAA TMSPCR51C26F137G - per la quale la ragione sociale corretta è TOMASSONI PIER CARLO anziché TOMASSONI CARLO quale precedentemente indicata;

- che l’importo della spesa totale ammissibile e dei contributi complessivamente concedibili a valere sul tipo di operazione 5.1.01 a seguito delle rettifiche di cui trattasi, quale risultanti dagli elenchi formalmente approvati dai Servizi Territoriali Agricoltura, Caccia e Pesca, sono pertanto rispettivamente pari ad Euro 25.699.961,94 e ad Euro 25.036.030,43, anziché ad Euro 25.716.174.27 e ad Euro 24.936.030,43 quali precedentemente determinati;

Preso atto, altresì, che:

- le risorse disponibili per gli interventi relativi al tipo di operazione 5.1.01, in accordo al punto 5. “Risorse finanziarie” del bando unico regionale di cui trattasi, risultano essere pari ad Euro 16.874.016,00 e consentono pertanto il finanziamento completo delle istanze valutate ammissibili collocatesi fino alla posizione generale n. 172, anziché alla posizione n. 174, quale precedentemente determinato, residuando altresì Euro 54.041,14;

- per la domanda n. 5111938, della ditta “VERCESI MIRKO” - CUAA: VRCMRK87D23B201G, collocata in posizione n. 173 della graduatoria generale con un contributo ammissibile pari ad Euro 56.558,68 - le risorse residue disponibili, di cui al precedente alinea, risultano superiori al 50% del suddetto contributo ammissibile - pari a 28.279,34 – e consentono pertanto il finanziamento parziale del Progetto di Intervento ai sensi del punto 12.4 del bando di cui trattasi, dando atto che eventuali rinunce o economie maturate in sede di accertamento finale sull’avvenuta esecuzione dei lavori dei beneficiari del bando medesimo potranno essere utilizzate per finanziare integralmente il progetto, nei limiti del contributo complessivamente spettante;

Ritenuto, tutto ciò premesso e considerato:

- di recepire le risultanze della determinazione dirigenziale n. 19949/2019 del Responsabile del Servizio Territoriale Agricoltura, Caccia e Pesca di Piacenza e della determinazione dirigenziale n. 20056/2019 del Responsabile del Servizio Territoriale Agricoltura, Caccia e Pesca di Rimini;

- di rettificare conseguentemente l’Allegato 1) alla propria determinazione n. 19670/2019 – sostituendolo integralmente per chiarezza con l’Allegato 1) al presente atto - relativamente alle seguenti posizioni:

- per la domanda nella posizione n. 28 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta CONSORZIO DI BONIFICA DI PIACENZA, CUAA 91096830335 l’importo “CONTRIBUTO CONCEDIBILE” corretto è pari a Euro 111.655,08 anziché ad Euro 11.655,08 quale precedentemente indicato;

- per la domanda nella posizione n. 20 della graduatoria unica ragionale – ditta SERIPA PIERPAOLO, CUAA SRPPPL73T15F137E – l’importo “SPESA AMMISSIBILE” corretto è pari a Euro 150.000,00 anziché ad Euro 166.212,33 quale precedentemente indicato;

- per la domanda nella posizione n. 158 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta TOMASSONI PIER CARLO, CUAA TMSPCR51C26F137G - la ragione sociale corretta è TOMASSONI PIER CARLO anziché TOMASSONI CARLO quale precedentemente indicata;

- di dare atto che, a seguito delle succitate rettifiche, l’importo di spesa ammissibile totale relativo alla graduatoria unica regionale ci cui trattasi è pari ad Euro 25.699.961,94 anziché Euro 25.716.174.27 ed il totale dei contributi concedibili è pari ad Euro 25.036.030,43 anziché Euro 24.936.030,43;

- di dare atto che le succitate rettifiche incidono negativamente sulla finanziabilità delle domande quale risultante dalla propria determinazione n. 19670/2019, consentendo le risorse disponibili il completo finanziamento delle domande di sostegno collocate nelle prime 172 posizioni, nonché il finanziamento parziale della domanda della ditta “VERCESI MIRKO” - CUAA: VRCMRK87D23B201G, collocata in posizione n. 173 della graduatoria generale – per la quale il Progetto di Intervento ai sensi del punto 12.4 del bando è finanziato con un contributo pari ad Euro 54.041,14 a fronte di quello ammissibile pari ad Euro 56.558,68, non risultando altresì finanziabile la domanda in posizione n. 174 a differenza di quanto precedentemente determinato;

- di dare atto che eventuali rinunce o economie maturate in sede di accertamento finale sull’avvenuta esecuzione dei lavori dei beneficiari del bando di cui trattasi potranno essere utilizzate per finanziare integralmente il progetto della ditta “VERCESI MIRKO” - CUAA: VRCMRK87D23B201G, parzialmente finanziato, nei limiti del contributo complessivamente spettante; 

Ritenuto necessario, altresì, dare atto che resta confermato quant’altro stabilito con la propria determinazione n. 19670/2019; 

Visti:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 122 del 28 gennaio 2019 avente per oggetto “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021” ed in particolare l’allegato D) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

Dato atto che, ai sensi del predetto D.Lgs. n. 33/2013 e sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nella citata nella deliberazione di Giunta regionale n. 122/2019 il presente provvedimento non è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

Viste altresì:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare l'art. 37, comma 4;

- le seguenti deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 56 del 25 gennaio 2016 recante “Affidamento degli incarichi di direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001”;

- n. 468 del 10 aprile 2017 recante “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 1159 del 3 luglio 2018 “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell’ambito delle Direzioni Generali, Agenzie, e Istituti e nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), del Responsabile dell’Anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della protezione dei dati (DPO)”;

- le seguenti determinazioni dirigenziali:

- n. 7295 del 29 aprile 2016 recante: “Riassetto posizioni professional, conferimento incarichi dirigenziali di struttura e professional e riallocazione delle posizioni organizzative nella Direzione generale agricoltura, caccia e pesca”;

- n. 19427 del 30 novembre 2017 recante: “Provvedimento di nomina del Responsabile del procedimento ai sensi degli articoli 5 e ss. della L. 241/1990 e ss. mm. e degli articoli 11 e ss. della L.R. 32/1993 presso il Servizio Competitività delle imprese e agroalimentari”;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto ai sensi della sopracitata deliberazione della Giunta regionale n. 2416/2008 e successive modifiche e integrazioni; 

determina: 

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo

2) di recepire le risultanze della determinazione dirigenziale n. 19949/2019 del Responsabile del Servizio Territoriale Agricoltura, Caccia e Pesca di Piacenza e della determinazione dirigenziale n. 20056/2019 del Responsabile del Servizio Territoriale Agricoltura, Caccia e Pesca di Rimini;

3) di rettificare conseguentemente l’Allegato 1) alla propria determinazione n. 19670/2019 – sostituendolo integralmente per chiarezza con l’Allegato 1) al presente atto - relativamente alle seguenti posizioni:

- per la domanda nella posizione n. 28 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta CONSORZIO DI BONIFICA DI PIACENZA, CUAA 91096830335 l’importo “CONTRIBUTO CONCEDIBILE” corretto è pari a Euro 111.655,08 anziché a quello indicato erroneamente di Euro 11.655,08;

- per la domanda nella posizione n. 20 della graduatoria unica ragionale – ditta SERIPA PIERPAOLO, CUAA SRPPPL73T15F137E – l’importo “SPESA AMMISSIBILE” corretto è pari a Euro 150.000,00 anziché a quello indicato erroneamente di Euro 166.212,33;

- per la domanda nella posizione n. 158 della graduatoria unica regionale di cui trattasi – ditta TOMASSONI PIER CARLO, CUAA TMSPCR51C26F137G - la ragione sociale corretta è TOMASSONI PIER CARLO anziché TOMASSONI CARLO quale precedentemente indicata;

4) di approvare l’elenco di cui al citato Allegato 1 - quale precedentemente dettagliato – dando atto che detto Allegato costituisce parte integrante e sostanziale della presente determinazione;

5) di dare atto che, a seguito delle rettifiche di cui al precedente punto 3), l’importo di spesa ammissibile totale relativo alla graduatoria unica regionale di cui trattasi è pari ad Euro 25.699.961,94 anziché Euro 25.716.174.27 ed il totale dei contributi concedibili è pari ad Euro 25.036.030,43 anziché Euro 24.936.030,43;

6) di dare atto che le rettifiche di cui al precedente punto 3) incidono negativamente sulla finanziabilità delle domande quale risultante dalla propria determinazione n. 19670/2019, consentendo le risorse disponibili:

- il completo finanziamento delle domande di sostegno collocate nelle prime 172 posizioni, anziché delle prime 174 posizioni quali precedentemente determinate, residuando altresì Euro 54.041,14;

- il finanziamento parziale della domanda della ditta “VERCESI MIRKO” - CUAA: VRCMRK87D23B201G, collocata in posizione n. 173 della graduatoria generale – per la quale il Progetto di Intervento ai sensi del punto 12.4 del bando è finanziato con un contributo pari ad Euro 54.041,14 a fronte di quello risultato concedibile in esito all’istruttoria di ammissibilità, pari ad Euro 56.558,68;

7) di dare atto che, ai sensi del punto 12.4 del bando di cui trattasi, eventuali rinunce o economie maturate in sede di accertamento finale sull’avvenuta esecuzione dei lavori dei beneficiari del bando di cui trattasi potranno essere utilizzate per finanziare integralmente il progetto della ditta “VERCESI MIRKO” - CUAA: VRCMRK87D23B201G, finanziato parzialmente, nei limiti del contributo complessivamente spettante;

8) di dare atto, altresì, che resta confermato quant’altro stabilito con la propria determinazione n. 19670/2019;

9) di disporre la pubblicazione in forma integrale della presente determinazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna dando atto che con la suddetta pubblicazione la Regione intende adempiuti gli obblighi di comunicazione del presente provvedimento ai soggetti interessati;

10) di dare atto inoltre che il Servizio Competitività delle imprese agricole e agroalimentari provvederà a dare la più ampia diffusione alla presente determinazione attraverso l’inserimento nel sito internet della Regione dedicato all’Agricoltura;

11) di dare atto infine che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, avanti il Tribunale Amministrativo Regionale territorialmente competente.

La Responsabile del Servizio

Giuseppina Felice

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it