E-R | BUR

n.144 del 18.05.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

RISOLUZIONE - Oggetto n. 1975 - Risoluzione per impegnare la Giunta a porre in essere ogni azione utile a risolvere le problematiche che affliggono la tratta ferroviaria Fiorenzuola d'Arda-Milano, al fine di tutelare l'utenza ed in particolare modo i pendolari che la utilizzano. A firma dei Consiglieri: Foti, Molinari, Tarasconi

L'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna

premesso che:

i treni provenienti dalla Regione Emilia-Romagna e diretti in Lombardia non godono mai di precedenza rispetto a quelli che transitano nel solo territorio lombardo, sicché per ogni emergenza che si verifichi a dovere attendere, e quindi ad accumulare ritardi, sono sempre e solo i primi;

le carrozze che compongono i treni nelle fasce orarie di punta (6-8 del mattino; 17-19 della sera) sono sistematicamente insufficienti per soddisfare l'utenza in direzione Fiorenzuola d'Arda-Milano e viceversa, anche in ragione del fatto che inspiegabilmente almeno due o tre carrozze risultano sempre chiuse. A tacere del fatto che, in ogni caso, le dette carrozze sono datate ed obsolete. Al riguardo appare indispensabile prevedere la sostituzione dei treni in questione con altri nuovi, purché non Stadler, atteso il limitato numero di posti a sedere di cui quest'ultimo tipo dispone, la qual cosa lo rende adatto a percorsi su tratte brevi;

appare auspicabile uno scambio d'orario di partenza tra il Milano-Bologna RV2285 delle 18.15(il treno più utilizzato dai pendolari piacentini) e il treno Milano Mantova RE2661 delle 18.20, la qual cosa consentirebbe di alleggerire il primo della presenza di molti dei pendolari che utilizzano le fermate poste in provincia di Lodi, con conseguente ed evidente beneficio - a costo zero - per i pendolari diretti in Emilia-Romagna;

tra le ore 19.15 e le ore 21.20 non è possibile utilizzare alcun treno in partenza da Milano con fermata a Fiorenzuola d'Arda;

considerato che:

è noto che la Regione ha investito oltre 10 milioni di euro che permetteranno, entro il 2019, la presenza di 8 nuovi treni sulla linea, consentendo così di risolvere gran parte dei problemi di sottonumero ed obsolescenza dei convogli e che, dopo tale data, con la nuova gara è previsto l'inserimento di 75 convogli di nuova generazione;

in ordine alle corse nelle fasce pendolari, l'assessore Donini ha ribadito in più occasioni di avere richiesto a Trenitalia una revisione degli orari dell'intera linea Milano-Bologna-Rimini, ottenendo assicurazioni al riguardo; 

impegna la Giunta regionale

ad assumere, tenuto conto delle attività sopraddette poste in essere dalla Regione Emilia-Romagna e volte a risolvere alcune delle problematiche di cui sopra, ogni ulteriore azione utile così da rendere migliore la percorrenza della tratta ferroviaria Fiorenzuola d'Arda-Milano e viceversa, anche proseguendo nei contatti in essere con la Regione Lombardia per la programmazione congiunta dei servizi che, in partenza o in arrivo da e per Milano, interessano la tratta regionale in questione;

ad attivarsi fin da subito perché il gestore garantisca la fruibilità di tutte le carrozze presenti nei convogli.

a destinare parte del materiale rotabile che verrà liberato dagli investimenti in corso al rafforzamento del servizio sulla tratta Piacenza-Bologna, soprattutto nelle fasce più frequentate dai pendolari.

Approvata all’unanimità dalla Commissione III Territorio, Ambiente, Mobilità nella seduta del 28 aprile 2016.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it