E-R | BUR

n. 130 del 17.08.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

RISOLUZIONE - Oggetto n. 272 - Risoluzione proposta dal consigliere Cavalli per impegnare la Giunta regionale ad attivarsi, di concerto con le Amministrazioni locali, al fine di predisporre servizi di smaltimento a basso costo di rifiuti speciali e pericolosi

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Premesso che

i quotidiani locali riportano con preoccupante frequenza il ritrovamento di discariche abusive, a volte caratterizzate dalla presenza di rifiuti speciali e pericolosi come, ad esempio, l’amianto;

l’utilizzo dell’amianto è vietato dal 1993 e il suo smaltimento è regolato da una rigida normativa nazionale;

lo smaltimento o il trattamento dell’amianto ancora largamente presente sul nostro territorio è, in molti casi, obbligatorio per legge ed economicamente molto oneroso.

Considerato che

soprattutto in periodo di recessione economica le aziende, come i privati, possono avere difficoltà a sostenere i costi degli interventi di bonifica, incapsulamento o rivestimento dei materiali contenenti amianto;

l’identificazione dei responsabili degli abusi descritti in premessa risulta spesso difficile o impossibile e i costi sostenuti dalla collettività per i necessari ripristini ambientali sono molto elevati;

per disincentivare l’abbandono di rifiuti ingombranti, speciali o pericolosi da parte dei cittadini alcuni comuni offrono loro un servizio gratuito di discarica;

la Regione ha stanziato 10 milioni di euro per incentivare lo smaltimento dell’amianto dai tetti e sostituirlo con fotovoltaico.

Ritenuto che

offrire un servizio di smaltimento dei rifiuti speciali e pericolosi gratuito o a basso costo contribuirebbe a contenere la proliferazione di discariche abusive e i conseguenti rischi ambientali e sanitari.

Impegna la Giunta regionale

ad attivarsi, di concerto con le Amministrazioni locali, predisponendo servizi di smaltimento rifiuti speciali e pericolosi a basso costo al fine d’incentivare comportamenti più virtuosi e corretti da parte di cittadini e aziende;

ad attivarsi in sede di Conferenza Stato-Regioni affinché vengano ripristinate le risorse necessarie a tale scopo.

Approvata a maggioranza dei presenti nella seduta pomeridiana del 27 luglio 2011

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it