E-R | BUR

n.300 del 18.09.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Art. 11, LR 4/2018: provvedimento di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) relativo al progetto "Richiesta variante sostanziale alla concessione di derivazione di acqua pubblica con perforazione di nuovo pozzo" localizzato in località Piazza di Basilicanova nel comune di Montechiarugolo (PR) proposto dalla Ditta Mutti S.P.A.

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

(omissis)

determina

a) di escludere dalla ulteriore procedura di V.I.A., ai sensi dell’art. 11, comma 1 della Legge Regionale 20 aprile 2018, n. 4, il progetto denominato “Richiesta variante sostanziale alla concessione di derivazione di acqua pubblica con perforazione di nuovo pozzo loc. Piazza di Basilicanova nel comune di Montechiarugolo (PR)”, per le valutazioni espresse in narrativa a condizione che vengano rispettate le seguenti condizioni ambientali, al fine di prevenire eventuali impatti ambientali;

1. la ditta Mutti S.p.a. dovrà comunicare al Servizio VIPSA della Regione Emilia-Romagna e ARPAE DT la data di fine lavori;

2. in fase di perforazione dovranno essere posti in atto tutti gli accorgimenti per non alterare le condizioni naturali degli acquiferi attraversati ed evitare che l’acqua dell’acquifero superiore possa percolare nell’acquifero inferiore, tale modalità di esecuzione dovrà essere dimostrata in apposita dichiarazione rilasciata dal proponente entro 30 giorni dalla comunicazione di fine lavori;

b) al fine della verifica di ottemperanza delle condizioni ambientali impartite nel Provvedimento di verifica di assoggettabilità a VIA, prevista dall’art. 28 del D.Lgs. 152/06, l’ottemperanza:

1. per quanto di competenza spetta al Servizio VIPSA della Regione Emilia-Romagna e ad ARPAE – Direzione Tecnica, Progetto Demanio Idrico;

2. per quanto di competenza spetta ad ARPAE – Direzione Tecnica, Progetto Demanio Idrico;

c) che il progetto dovrà essere realizzato conformemente a quanto dichiarato nello studio ambientale preliminare;

d) si ricorda, inoltre, che il proponente dovrà:

1. presentare ad ARPAE - Direzione Tecnica, Progetto Demanio Idrico, ai sensi dell’art. 5 del RR 41/2001, istanza di concessione ai sensi dell’art. 16 del RR 41/2001, qualora fosse intenzione del richiedente procedere con la derivazione con la stessa portata massima indicata nella relazione tecnica;

e) di stabilire che le condizioni ambientali di cui al punto a) siano soggette al regime sanzionatorio, come definito all’art. 29 del D.lgs 152/06 e recepito dalla LR 4/2018;

f) di trasmettere copia della presente determinazione: al proponente Mutti Spa, al Comune di Montechiarugolo, alla Provincia di Parma, alla ARPAE – Direzione Tecnica - Progetto Demanio idrico, al STRAAAF;

g) di pubblicare, per estratto, la presente determina dirigenziale nel BURERT e, integralmente, sul sito web della Regione Emilia-Romagna;

h) di rendere noto che contro il presente provvedimento è proponibile il ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 (sessanta) giorni, nonché ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 (centoventi) giorni; entrambi i termini decorrono dalla data di pubblicazione nel BURERT;

i) di dare atto, infine, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it