E-R | BUR

n.36 del 21.02.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Rettifica per mero errore materiale della propria deliberazione n.2156/2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n.1636 del 30 ottobre 2017 “Approvazione Invito a presentare percorsi di formazione permanente a sostegno dell'imprenditorialità' - PO F SE 2014/2020 Obiettivo Tematico 8 - Priorità di investimento 8.1”;

- n.2156 del 20 dicembre 2017 “Approvazione operazioni di formazione per fare impresa presentate a valere sull'Invito di cui DGR n.1636/2017”;

Dato atto che con la suddetta deliberazione n.2156/2017 si è proceduto ad approvare n.18 operazioni ovvero le prime due Operazioni in ordine di punteggio di ciascuna delle n.9 graduatorie definite per Azione ovvero Ambito territoriale che risultano finanziabili per complessivi euro 3.000.000,00 di cui all'Allegato 3), parte integrante della stessa deliberazione;

Verificato che per un mero errore materiale con la suddetta deliberazione n.2156/2017 si è dato atto che n.5 delle suddette operazioni approvate contraddistinte dai numeri rif.PA 2017-8586/RER, 2017-8587/RER, 2017-8588/RER, 2017-8589/RER e 2017-8590/RER erano state presentate da Ecipar Soc.Cons.a r.l.- Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I. (cod.organismo 205) in qualità di mandatario del RTI denominato “RTI RETE ECIPAR” costituito in data 17/07/2015 rep. n. 56.293. raccolta n. 27.355 registrato all’Agenzia delle Entrate - ufficio territoriale di Bologna 2 il 20/7/2015 al n. 12399 serie 1T;

Dato atto altresì che le stesse n. 5 operazioni soprarichiamate presentate da Ecipar Soc.Cons.a r.l.- Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I. (cod.organismo 205) prevedono in realtà un partenariato fra diversi organismi definiti in apposito Accordo riportante i ruoli dei diversi soggetti coinvolti debitamente sottoscritto dalle parti e che non riporta l’attribuzione finanziaria in capo ai diversi soggetti firmatari dello stesso Accordo, così come previsto dall’Invito di cui alla propria deliberazione n.1636/2017;

Ritenuto di rettificare in tal senso la propria deliberazione n. 2156/2017 più volte citata prevedendo contestualmente la modifica

del punto 10 del dispositivo come segue:

- di prevedere che al finanziamento delle suddette operazioni approvate, nel limite degli importi di cui all'Allegato 3), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, ed all’assunzione del relativo impegno di spesa, provvederà il Responsabile del Servizio “Attuazione degli interventi e delle politiche per l’istruzione, la formazione e il lavoro” con successivo provvedimento, previa acquisizione:

- della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

- dell’atto di impegno di cui alla propria deliberazione n. 1298/2015 comprensiva della dichiarazione resa ai sensi degli artt.46 e n. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, né ha presentato domanda di concordato, né infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;

Dato atto che resta invariato quanto altro definito e approvato con la più volte citata propria deliberazione n.2156/2017 e negli allegati parti integranti e sostanziali della stessa;

Richiamati:

- il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 89/2017 “Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017 - 2019”;

- la propria deliberazione n.486/2017 "Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n.33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;

Visto il D.Lgs. n. 118/2011 ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di Bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009 n.42” e ss.mm.ii.”;

Richiamate inoltre le Leggi regionali:

- n.40/2001 recante "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n.4" per quanto applicabile;

- n.43/2001 recante "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii.;

- n.25/2017 recante “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2018”;

- n. 26/2017 recante “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2018-2020 (legge di stabilità regionale 2018)”;

- n. 27/2017 recante “ Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020”;

Richiamata altresì la propria deliberazione n. 2191/2017 recante “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2018-2020”;

Viste le proprie deliberazioni:

- n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

- n.56/2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale dell'art.43 della L.R.43/2001”;

- n.270/2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n.622/2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n.1107/2016 “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 468/2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna” ed in particolare l’Allegato A);

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera: 

Per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

1. di rettificare la propria deliberazione n.2156/2017 in parte narrativa citata dando atto che le n.5 operazioni approvate con la stessa contraddistinte dai numeri rif.PA 2017-8586/RER, 2017-8587/RER, 2017-8588/RER, 2017-8589/RER e 2017-8590/RER presentate da Ecipar Soc.Cons.a r.l.- Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I. (cod.organismo 205) prevedono un partenariato fra diversi organismi definiti in apposito Accordo di partenariato riportante i ruoli dei diversi soggetti coinvolti debitamente sottoscritto dalle parti che non riporta l’attribuzione finanziaria in capo ai diversi soggetti firmatari dello stesso Accordo, così come previsto dall’ Invito di cui all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della soprarichiamata propria deliberazione n.1636/2017;

2. di modificare in conseguenza a quanto definito al precedente punto 1, il punto 10. del dispositivo della suddetta propria deliberazione n.2156/2017 così come segue:

- di prevedere che al finanziamento delle suddette operazioni approvate, nel limite degli importi di cui all'Allegato 3), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, ed all’assunzione del relativo impegno di spesa, provvederà il Responsabile del Servizio “Attuazione degli interventi e delle politiche per l’istruzione, la formazione e il lavoro” con successivo provvedimento, previa acquisizione:

- della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

- dell’atto di impegno di cui alla propria deliberazione n. 1298/2015 comprensiva della dichiarazione resa ai sensi degli Art.46 e n. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, né ha presentato domanda di concordato, né infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;

3. di dare atto che resta invariato quanto altro definito e approvato con la sopra citata propria deliberazione n.2156/2017 e negli allegati parti integranti e sostanziali della stessa;

4. di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

5. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it