E-R | BUR

n.170 del 15.07.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Proroga dell'incarico di Responsabile della Prevenzione della Corruzione della Giunta regionale

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

a) la L. 6 novembre 2012, n. 190, recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione”, entrata in vigore il 28 novembre 2012, che:

- all’art. 1, comma 7, primo periodo prevede che “… l'organo di indirizzo politico individua, di norma tra i dirigenti amministrativi di ruolo di prima fascia in servizio, il responsabile della prevenzione della corruzione” (in seguito: “Responsabile”);

- al comma 8 del precitato art. 1, stabilisce che il “Responsabile” debba formulare all’organo di indirizzo politico la proposta di un “Piano triennale di prevenzione della corruzione”, con i relativi aggiornamenti annuali, che ha lo scopo di fornire una valutazione del diverso livello di esposizione delle strutture e dei procedimenti amministrativi dell’Amministrazione al rischio “corruzione”, con conseguente indicazione degli interventi normativi, organizzativi e formativi necessari per eliminare, ridurre o comunque gestire il rischio medesimo;

b) l’art. 52, “Controlli interni e disposizioni in materia di prevenzione della corruzione” della L.R. 26 novembre 2001, n. 43, recante “Testo Unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna”, e ss.mm., che, al comma 2, prevede che ai fini dell'applicazione della Legge n. 190 del 2012 e delle disposizioni statali in materia di trasparenza, la Giunta regionale e l'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea legislativa individuino, ciascuno per il proprio ambito di competenza, tra i dirigenti del rispettivo organico, il Responsabile della prevenzione della corruzione e il Responsabile per la trasparenza;

c) la deliberazione di Giunta regionale n. 783 del 17 giugno 2013, ad oggetto “Prime disposizioni per la prevenzione e la repressione dell'illegalità nell'ordinamento regionale. Individuazione della figura del responsabile della prevenzione della corruzione”, che ha provveduto, fra l’altro, a nominare il dirigente regionale dott. Lorenzo Broccoli quale “Responsabile” per le strutture della Giunta della Regione Emilia-Romagna, per due anni dalla data di adozione della medesima deliberazione;

Considerato che:

- è ormai prossima la scadenza (16 giugno 2015) dell’incarico di “Responsabile”, conferito al dirigente regionale dott. Lorenzo Broccoli con la delibera di Giunta regionale n. 783 del 2013, sopra citata;

- è opportuno conservare in capo a un dirigente regionale con incarico di Direttore generale, secondo i criteri già declinati nella deliberazione di Giunta più volte richiamata, l’incarico di “Responsabile”;

- il dott. Lorenzo Broccoli ricopre anche il ruolo di Direttore generale a “Organizzazione, Personale, Sistemi informativi e Telematica”, in base ad incarico conferito con delibera di Giunta regionale n. 905 del 2 luglio 2012;

- l’incarico di Direttore generale conferito al dott. Broccoli, scade al termine dell’anno in corso (31 dicembre 2015), così come scade a tale data la prevalenza degli incarichi attribuiti ai Direttori generali della Giunta regionale attualmente in carica, ai sensi della delibera di Giunta regionale n. 2060 del 20 dicembre 2010;

Ritenuto opportuno quindi opportuno, al momento, in attesa del rinnovo complessivo degli incarichi dirigenziali apicali dell’Amministrazione regionale, riconfermare in capo al dott. Lorenzo Broccoli l’incarico di “Responsabile” fino alla scadenza dell’incarico di Direttore generale conferitogli con la delibera n. 905 del 2012, sopra richiamata;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore a “Bilancio, Riordino istituzionale, Risorse umane e Pari Opportunità”, Emma Petitti;

A voti unanimi e segreti

delibera:

A) di prorogare fino alla data del 31 dicembre 2015 la durata dell’incarico di “Responsabile della Prevenzione della Corruzione”, attribuito con propria deliberazione n. 783 del 17 giugno 2013, al dirigente regionale dott. Lorenzo Broccoli, in scadenza al 16 giugno 2015;

B) di confermare i restanti contenuti della deliberazione n. 783 del 2013, sopra richiamata;

C) di disporre la pubblicazione della presente deliberazione nel BURERT e sul sito istituzionale della Regione Emilia-Romagna, nella sezione “Amministrazione trasparente”.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it